Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mantra di Namgyalma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Buddhismo
Vajrasattva Tibet.jpg
Mahāyāna Vajrayāna
Paesi
BhutanMongolia
GiapponeTibet
Insegnamenti
BodhisattvaBodhicitta
VacuitàKaruna
Natura di BuddhaPrajna
TrikayaAdhiBuddha
MādhyamikaVijnanavada
MahamudraTre RadiciKalachakra
MantraDharani
MudraMandalaYidamDzogchen
Sutra
Prajnaparamita
Mahāvairocanāsūtra
Vajraśekhara-sūtra
Susiddhi-kara-mahā-tantra-sādhanôpāyika-paṭala
Tantra
KriyatantraCaryatantra
YogatantraAnuttarayogatantra
Maestri
Gautama BuddhaNāgārjunaNaropaMarpaMilarepaTsongkhapaPadmasambhavaDalai LamaPanchen LamaKarmapaShamarpa
Scuole
GelugNyingmapaKagyu (Karma Kagyü)SakyaKadamShingon

Om Bhrum swaha è il mantra di tib: Namgyalma, sanscr: Ușnīșavijayā. Yidam di Lunga Vita insieme ad Amitayus e Tārā Bianca. Viene recitato nel Buddhismo tibetano.

Descrizione di Namgyalma[modifica | modifica wikitesto]

Seduta nella posizione padmasana, sans., e di carnagione bianca è presumibilmente[1] una delle reincarnazioni di Tara Bianca. È considerata la conservatrice della sapienza del Buddha grazie alla protuberanza, ușnīșa, sulla testa e per traslazione è definita la "madre di tutti i Buddha". ha tre teste con il terzo occhio ben visibile sulla fronte e otto braccia. Le mani reggono alcuni oggetti sacri compiendo gesti rituali:[2]

Ushnisha Vijaya o Namgyalma. In alto a sinistra Buddha, in alto a destra Lama Tsongkhapa.
Posizione Oggetti Significato
Prima mano destra dall'alto Piccola statua del Buddha Collegamento con il BuddhaLa piccola statua nella mano destra è allusivo al nome Ușnīșavijayā: "madre di tutti i Buddha"
Seconda mano destra centrale Doppio vajra Presenza dell'Assoluto in tutto il mondoIl viśvavajra o doppio vajra allude alla interconnessione tra macro e microcosmo e all'industruttibilità dell'essenza primordiale
Terza mano destra centrale Freccia Determinazione e forza di volontà
Quarta mano destra in basso Mano verso il basso Gesto di garanzia dell'esaudimento dei desideriIl varamudrā significa la disponibilità della divinità ad esaudire le richieste dei fedeli
Prima mano sinistra dall'alto Mano verso l'alto Gesto di incoraggiamento

L'abhayamudrā incoraggia il fedele ad avvicinarsi al Dharma

Seconda mano sinistra centrale Laccio Serve a legare i demoni e ad avvicinare le persone al DharmaPer il laccio o pāśa il significato è duplice: legare i demoni e agganciare i deboli di fede
Terza mano sinistra centrale Arco Capacità di cogliere nel segno l'intelligenza

L'arco retto con il gesto di esorcizzazione o karaṇamudrā impediscono agli spiriti maligni di avvicinarsi

Quarta mano sinistra in basso Vasetto con pietre preziose Abbondanza di nettare o gioielli

Il mantra[modifica | modifica wikitesto]

Il mantra di Namgyalma è una potente pratica di purificazione mentale. Se viene scritto su stoffa o carta e messo sulla cima di una montagna o sul tetto di una casa, dove può essere mosso dal vento, chiunque sia toccato dalla stessa corrente d' aria riceve una miriade di fortissime benedizioni, e il suo karma viene purificato. Girare intorno a uno stupa che contiene il mantra purifica tutto il karma delle rinascite negli inferni caldi.

Nei riti funebri del Buddhismo tibetano, Om Bhrum swaha viene usato a beneficio del defunto: lo si recita ventuno volte per benedire acqua, semi di sesamo o tipi di profumo come la polvere di talco, su cui poi si soffia per poi procedere allo spargimento della stessa sostanza sul corpo del morto.

Mantra lungo[modifica | modifica wikitesto]

Namgyalma o Ushnisha Vijaya
    OM NAMO BHAGAVATE SARVA TRAILOKYA PRATIVISHISHTAYA
    BUDDHAYA TE NAMA
    TA YA THA
    OM BHRUM BHRUM BHRUM SHODHAYA SHODHAYA
    VISHODHAYA VISHODHAYA
    ASAMA SAMANTA AVABHASA SPHARANA GATI GAGANA SVABHAVA VISHUDDHE
    ABHISHINCHANTU MAM
    SARVA TATHAGATA SUGATA VARA VACHANA AMRITA ABHISHEKARA
    MAHAMUDRA MANTRA PADAI
    AHARA AHARA
    MAMA AYUS SAMDHARANI
    SHODHAYA SHODHAYA
    VISHODHAYA VISHODHAYA
    GAGANA SVABHAVA VISHUDDHE
    USHNISHA VIJAYA PARISHUDDHE
    SAHASRA RASMI SANCHO DITE
    SARVA TATHAGATA AVALOKINI
    SHAT PARAMITA PARIPURANI
    SARVA TATHAGATA MATE
    DASHA BHUMI PRATISHTHITE
    SARVA TATHAGATA HRIDAYA
    ADHISHTHANA ADHISHTHITE
    MUDRE MUDRE MAHA MUDRE
    VAJRA KAYA SAMHATANA PARISHUDDHE
    SARVA KARMA AVARANA VISHUDDHE
    PRATINI VARTAYA MAMA AYUR
    VISHUDDHE SARVA TATHAGATA
    SAMAYA ADHISHTHANA ADHISHTHITE
    OM MUNI MUNI MAHA MUNI
    VIMUNI VIMUNI MAHA VIMUNI
    MATI MATI MAHA MATI
    MAMATI SUMATI TATHATA
    BHUTA KOTI PARISHUDDHE
    VISPHUTA BUDDHE SHUDDHE
    HE HE JAYA JAYA
    VIJAYA VIJAYA
    SMRARA SMRARA
    SPHARA SPHARA
    SPHARAYA SPHARAYA
    SARVA BUDDHA ADHISHTHANA ADHISHTHITE
    SHUDDHE SHUDDHE
    BUDDHE BUDDHE
    VAJRE VAJRE MAHA VAJRE
    SUVAJRE VAJRA GARBHE JAYA GARBHE
    VIJAYA GARBHE
    VAJRA JVALA GARBHE
    VAJROD BHAVE
    VAJRA SAMBHAVE
    VAJRE VAJRINI
    VAJRAMA BHAVATU MAMA SHARIRAM
    SARVA SATTVA NANCHA KAYA PARISHUDDHIR BHAVATU
    ME SADA SARVA GATI PARISHUDDHISHCHA
    SARVA TATHAGATASHCHA
    MAM SAMASHVAS YANTU
    BUDDHYA BUDDHYA
    SIDDHYA SIDDHYA
    BODHAYA BODHAYA
    VIBODHAYA VIBODHAYA
    MOCHAYA MOCHAYA
    VIMOCHAYA VIMOCHAYA
    SHODHAYA SHODHAYA
    VISHODHAYA VISHODHAYA
    SAMANTANA MOCHAYA MOCHAYA
    SAMANTA RASMI PARISHUDDHE
    SARVA TATHAGATA HRIDAYA
    ADHISHTHANA ADHISHTHITE
    MUDRE MUDRE MAHA MUDRE
    MAHAMUDRA MANTRA PADAI SVAHA [3]

Mantra corto[modifica | modifica wikitesto]

OM BHRUM SVAHA / OM AMRITA AYUR DA DE SVAHA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Schumann, pp. 148., Tara Bianca come Ușnīșavijayā.
  2. ^ Schumann, pp. 30, Il Canone dei Simboli.
  3. ^ Lama Yesce, Mantra Namgyalma, su lamayeshe.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]