Panchen Lama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Khedrup Gelek Pelzang, conosciuto come Khedrup Je, il primo Panchen Lama

Il Panchen Lama (Pan-chen Bla-ma in tibetano), chiamato anche Panchen Erdeni, fu la seconda carica lamaistica più importante nel Tibet fino agli anni cinquanta.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Panchen Lama si compone di due termini: il primo, panchen, fonde tra loro pandita, che in sanscrito significa «erudito», e khenpo, ovvero «grande» in lingua tibetana. Il secondo, lama, indica un maestro tibetano. In italiano Panchen Lama viene tradotto in «Grande Erudito».

I tibetani si rivolgevano a lui come Mahapandita, o come Panchen Rinpoche.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il Panchen Lama era un monaco di scuola Gelug, un lama reincarnato di elevato prestigio e influenza in Tibet. Era per tradizione khenpo del Monastero di Tashilhunpo, e residente al Palazzo del Gudong.

Lo scopo del Panchen Lama era di contribuire allo sviluppo del Dharma, la via del Buddha Śākyamuni, e al suo insegnamento. La sua autorità era soggetta soltanto a quella del Dalai Lama, e al contrario di lui non esercitava mai alcun potere civile. Nei secoli, tra i Panchen Lama e i Dalai Lama si instaurò un legame di stima e collaborazione così profondo che i tibetani dicevano che i due erano uniti quanto il sole e la luna. Tale rapporto si fondava su due principi: ricercare le reciproche reincarnazioni e impartire loro gli insegnamenti buddhisti.

Se il Dalai Lama è considerato la reincarnazione di Avalokitesvara, il Bodhisattva della Compassione, il Panchen Lama è invece ritenuto la personificazione di Amitabha, il Bodhisattva della Conoscenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo a ricoprire tale rango fu lama Lobsang Chökyi Gyalsten, precettore del V Dalai Lama. In quanto lama reincarnato, Gyalsten attribuì in maniera retroattiva il titolo alle sue tre precedenti incarnazioni, venendo quindi considerato il IV Panchen Lama.

In passato tra i Dalai Lama e i Panchen Lama vi furono spesso seri conflitti, il più forte dei quali fu quello tra il Grande Tredicesimo, e il IX Panchen Lama, che morì in esilio nel Qinghai, in Cina. Tuttavia, quasi tutte le dispute si conclusero con una riconciliazione altrettanto significativa, cosa che non mise mai in dubbio la fedeltà dell'uno verso l'altro.

Lista dei Panchen Lama[modifica | modifica wikitesto]

Nome Immagine Vissuto Tibetan/Wylie Trascrizione fonetica semplificata Altre transliterazioni
1. Khedrup Gelek Pelzang
Khedrup Je.jpg
1° Panchen Lama
1385–1438[1] མཁས་གྲུབ་རྗེ།
mkhas grub rje,་
མཁས་གྲུབ་དགེ་ལེགས་དཔལ་བཟང་པོ།
mkhas grub dge legs dpal bzang po
Khédrup Gélek Pelzangpo Khädrup Je, Khedrup Gelek Pelsang, Kedrup Geleg Pelzang, Khedup Gelek Palsang, Khedrup Gelek Pal Sangpo
2. Sönam Choklang
Sonam Chhyog-Lan.jpg
2° Panchen Lama
1438–1505[1] བསོད་ནམས་ཕྱོགས་ཀྱི་གླང་པོ།
bsod nams phyogs glang,་
བསོད་ནམས་ཕྱོགས་ཀྱི་གླང་པོ་
bsod nams phyogs kyi glang po
Sönam Chok kyi Langpo Sonam Choglang, Soenam Choklang
3. Ensapa Lobsang Döndrup
Lossan Tondub.jpg
3° Panchen Lama
1505–1568[1] དབེན་ས་པ་བློ་བཟང་དོན་གྲུབ།
dben sa pa blo bzang don grub
Wensapa Lozang Döndrup Gyalwa Ensapa, Ensapa Lozang Döndrup, Ensapa Losang Dhodrub
4. Lobsang Chökyi Gyalsten
Lossan Chho Kyi Gyal -Tshan.jpg
4° Panchen Lama
1570–1662 བློ་བཟང་ཆོས་ཀྱི་རྒྱལ་མཚན།
blo bzang chos kyi rgyal mtshan
Lozang Chö kyi Gyeltsen Losang Chökyi Gyältsän, Lozang Chökyi Gyeltsen, Lobsang Chökyi Gyaltsen, Lobsang Choekyi Gyaltsen, Lobsang Choegyal, Losang Chögyan
5. Lobsang Yeshe
Lobsang Yeshe.jpg
5° Panchen Lama
1663–1737 བློ་བཟང་ཡེ་ཤེས།
blo bzang ye shes
Lozang Yéshé Lobsang Yeshi, Losang Yeshe
6. Lobsang Palden Yeshe
Lobsang Palden Yeshe.jpg
6° Panchen Lama
1738–1780 བློ་བཟང་དཔལ་ལྡན་ཡེ་ཤེས།
blo bzang dpal ldan ye shes
Lozang Penden Yéshé Palden Yeshe, Palden Yeshi
7. Palden Tenpai Nyima 7° Panchen Lama 1782–1853 དཔལ་ལྡན་བསྟན་པའི་ཉི་མ།
pal ldan bstan pa'i nyi ma
Penden Tenpé Nyima Tänpä Nyima, Tenpé Nyima, Tempai Nyima, Tenpey Nyima
8. Tenpai Wangchuk 8° Panchen Lama 1855?–1882 བསྟན་པའི་དབང་ཕྱུག
bstan pa'i dbang phyug
Tenpé Wangchuk Tänpä Wangchug, Tenpé Wangchuk, Tempai Wangchuk, Tenpey Wangchuk
9. Thupten Chökyi Nyima
9thPanchen.jpg
9° Panchen Lama
1883–1937 ཐུབ་བསྟན་ཆོས་ཀྱི་ཉི་མ།
thub bstan chos kyi nyi ma
Tupten Chö kyi Nyima Choekyi Nyima, Thubtän Chökyi Nyima
10. Choekyi Gyaltsen
XthPanchenLama.jpg
10° Panchen Lama
1938–1989 བློ་བཟང་ཕྲིན་ལས་ལྷུན་གྲུབ་
ཆོས་ཀྱི་རྒྱལ་མཚན།
blo bzang phrin las lhun grub chos kyi rgyal mtshan
Lozang Trinlé Lhündrup Chö kyi Gyeltsen Choekyi Gyaltsen, Chökyi Gyeltsen, Choekyi Gyaltse, Trinley Choekyi Gyaltsen, Lozang Trinlä Lhündrup Chökyi Gyältsän
11. Gedun Choekyi Nyima

https://en.wikipedia.org/wiki/Gedhun_Choekyi_Nyima

Panchen Lama Association.jpg
25-4-1989 Gedhun Choekyi Nyima

Attualmente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la prematura morte in circostanze misteriose del decimo Panchen Lama nel 1989 ( il decesso improvviso avvenne pochi giorni dopo aver pronunciato un durissimo discorso contro l'occupazione cinese ) iniziarono le ricerche per individuare la sua reincarnazione. Chadrel Rinpoche, il capo della delegazione di ricerca per il nuovo Panchen Lama, fu abile nel trovare velocemente Gedhun Choekyi Nyima e ne comunicò la notizia al Dalai Lama. Tuttavia, quando il Dalai Lama annunciò al mondo l'avvenuto ritrovamento della reincarnazione del Panchen Lama, le autorità cinesi arrestarono immediatamente Chadrel Rinpoche e lo sostituirono con Sengchen Lobsang Gyaltsen, un oppositore del Dalai Lama e del defunto Panchen Lama, incaricandolo di creare una nuova commissione di ricerca per individuare un altro Panchen Lama. Fu così compilata una lista di possibili Panchen Lama (dalla quale fu escluso il nome di Gedhun Choekyi Nyima, definito come candidato "illegale e non valido"), e qualche mese dopo, l'11 novembre 1995 fu insediato come Panchen Lama scelto dal governo cinese, il giovane Gyancain Norbu. Attualmente Gyancain Norbu svolge una intensa attività "patriottica" a favore del governo cinese partecipando spesso a manifestazioni propagandistiche e dichiarando continuamente la sua fedeltà al Partito Comunista Cinese. http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1995/07/22/il-piccolo-buddha-un-mistero-cinese.html

La scomparsa e la presunta morte[modifica | modifica wikitesto]

Ancora oggi, a oltre vent'anni dalla sua scomparsa, nessuno sa dove si trovi il legittimo Panchen Lama, Gedhun Choekyi Nyima, che è da molti ritenuto il più giovane prigioniero politico della storia. L'ambasciatore cinese alle Nazioni Unite, nel maggio del 1996, disse che "(Gedhun) era stato messo sotto la protezione del governo sotto richiesta dei suoi genitori". Le autorità cinesi affermano che è un "perfetto ragazzo ordinario, alto 165 cm", in "uno stato di eccellente salute", e che i suoi genitori "non vogliono essere disturbati", ma si rifiutano di dare qualsiasi altra indicazione che possa portare ad un suo eventuale ritrovamento.

Nell'aprile 2009 il giornalista giapponese Yoichi Shimatsu rivelò a una tavola rotonda sulla questione tibetana, tenutasi alla Qīnghuá Dàxué di Pechino, che il Panchen lama era deceduto anni prima, di cancro o leucemia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c The title Panchen Lama was conferred posthumously on the first two Panchen Lamas.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Panchen Lama
Flag of the Tibet Government in Exile Khedrup Je | Sönam Choklang | Ensapa Lobsang Döndrup | Lobsang Chökyi Gyalsten | Lobsang Yeshe | Lobsang Palden Yeshe | Palden Tenpai Nyima | Tenpai Wangchuk | Thubten Chökyi Nyima | Lobsang Trinley Lhündrub Chökyi Gyaltsen | Gedhun Choekyi | Qoigyijabu |