Madsen (mitragliatrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madsen
Madsen machine gun with magazine.jpg
Una Madsen dell'esercito norvegese esposta nel museo di Trondheim
Tipo mitragliatrice leggera
Origine Danimarca Danimarca
Impiego
Conflitti Guerra russo-giapponese
Prima guerra mondiale
Guerra civile russa
Guerra del Chaco
Seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Jens Schouboe
Rustmester Rasmussen
Data progettazione 1896
Costruttore Dansk Riffel Syndikat
Entrata in servizio 1902
Descrizione
Peso 9,07 kg
Lunghezza 1.143 mm
Lunghezza canna 584 mm
Munizioni 7 × 57 mm Mauser
6,5 × 55 mm
7,92 × 57 mm Mauser
7,62 × 54 mm R
7,62 × 51 mm NATO
.303 British
Azionamento a lungo rinculo
Cadenza di tiro 450 colpi al minuto
Velocità alla volata 870 m/s con il 6,5 × 55 mm
Alimentazione caricatori rimovibili da 25, 30 o 40 colpi
dati tratti da [1]
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Madsen fu una mitragliatrice prodotta a partire dal 1896 dalla ditta danese Dansk Riffel Syndikat; adottata dall'Esercito danese nel 1902 per interessamento del ministro della Guerra Vilhelm Herman Oluf Madsen (da cui il nome), l'arma fu la prima vera e propria mitragliatrice leggera ad essere prodotta in grandi quantità, venendo poi acquistata da 34 diverse nazioni in giro per il mondo, in 12 calibri diversi.

Per via della sua diffusione, l'arma vide un grande impiego bellico[2][3]: acquistata dall'Esercito imperiale russo, fu impiegata nella guerra russo-giapponese e poi nella prima guerra mondiale, oltre che nella successiva guerra civile russa; Madsen acquistate dal Paraguay furono impiegate nella guerra del Chaco, mentre Danimarca e Norvegia utilizzarono l'arma durante la seconda guerra mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Karl Martin, Irish Army Vehicles, Transport & Armour Since 1922, Karl Martin, 2002.
  2. ^ Peter Kokalis, Weapons Tests And Evaluations: The Best Of Soldier Of Fortune, Paladin Press, 2001, pp. 15–16.
  3. ^ Alejandro de Quesada, The Chaco War 1932–35 South America's greatest modern conflict, Oxford, Osprey Publishing, 2011, p. 24. ISBN 978-1-84908-416-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]