Macrozamia moorei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Macrozamia moorei
Macrozamia moorei01.jpg
Macrozamia moorei
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Macrozamia
Specie M. moorei
Nomenclatura binomiale
Macrozamia moorei
F. Muell., 1881

Macrozamia moorei è una cicade della famiglia delle Zamiaceae, nativa dell'Australia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Cono maschile
Cono femminile

Ha un tronco spesso e colonnare, che può raggiungere un'altezza di 9 m e un diametro di 80 cm.

Ha foglie verticillate, disposte a corona, lunghe fino a 3 m, ciascuna con 120-200 foglioline strette e lanceolate, di color verde intenso o verde-bluastro, che si inseriscono a 90° su un rachide arcuato, dotato di un picciolo spinoso, lungo 2–10 cm I coni maschili sono fusiformi, lunghi 30–45 cm long, 10–20 cm di diametro, dotati di una spina apicale lunga 2–25 mm. I coni femminili sono ovoidali, lunghi 40–80 cm, 15–20 cm di diametro e con una spina apicale lunga sino a 7 cm.

I semi sono ovoidali, lunghi 40–60 mm e larghi 30–40 mm con sarcotesta rossa.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione Macrozamia moorei si deve a Ferdinand von Mueller (1881). Il nome fu scelto in onore a Charles Moore (1820-1905), direttore dei Royal Botanic Gardens di Sydney.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È endemica dello Stato australiano di Queensland ove si sviluppa in zone caratterizzate da terreno povero, roccioso, ben drenato, neutro o leggermente acido. Soffre le basse temperature.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Hill, K.D. 2003, Macrozamia moorei, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.1, IUCN, 2017.
  • Jones, David L. Cycads of the world. Australia, Reed Books (1993).
  • Harden, Gwen J. Flora of New South Wales. Kensington, NSW (Australia), New South Wales University Press (1990).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica