Luigi De Pascalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi De Pascalis (Lanciano, 7 agosto 1943) è uno scrittore italiano, abruzzese di nascita, ma romano d'adozione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato numerosi racconti per lo più di genere fantastico in riviste, quotidiani e antologie ed è pubblicato in Francia, Germania e Stati Uniti. Per due volte ha vinto il Premio Italia per la letteratura fantastica; è stato finalista al Premio Camaiore di letteratura gialla.

Nel 2006 inizia la serie di Caio Celso con il romanzo Il Signore delle Furie Danzanti, ambientato nel 366, anche se nel 2003 l'autore aveva già pubblicato un romanzo, intitolato Rosso Velabro, in cui appariva Caio Celso impegnato in una indagine che si svolge nel 363, dunque tre anni prima.

Con La pazzia di Dio, è stato finalista alla XIV Edizione del premio di letteratura Naturalistica Parco Majella, in sezione Narrativa Italiana Edita, e al Premio Acqui Storia. Il romanzo Notturno bizantino, la lunga fine di un impero è candidato al Premio Strega 2016.

Come illustratore ha realizzato Pinocchio, graphic novel sul romanzo di Carlo Collodi vincitore a Firenze del premio dedicato a Carlo Lorenzini.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Le indagini di Caio Celso[modifica | modifica wikitesto]

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli altri:

Graphic Novel[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 - Pinocchio. Graphic novel ispirata al romanzo di Carlo Collodi, La Lepre edizioni

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN268554060