Ludologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La ludologia (dal latino ludus) è la scienza che studia il gioco nel suo essere, nei suoi sviluppi storici e sociali, nella sua importanza didattica.

La ludologia, alla sua base, è una branca della semiotica. Infatti il gioco, dal punto di vista formale è una relazione (sensata), è materia di pertinenza della logica delle relazioni. Pertanto la ludologia si divide (come la semiotica) in sintattica del gioco, semantica del gioco, pragmatica del gioco.

La ludologia è una disciplina ancora da definire ed è necessario che gli studiosi interessati collaborino a tal scopo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Johan Huizinga, Homo Ludens, Einaudi, 1949 e Saggiatore, 1964.
  • R. Callois, I giochi e gli uomini, Bompiani, Milano (1981, 2004).
  • E. Fink, Il gioco come simbolo del mondo, Lerici Editore, Roma, 1969.
  • C. Gily, In-Lusio, Eurocomp 2000, Napoli, 2002.
  • H. Rahner, Homo Ludens, Paideia Editrice, Brescia, 1969.
  • H. Read, Educare con l’arte, Edizioni di Comunità, Milano, 1969.
  • P.A. Rovatti, D. Zoletto, La scuola dei giochi, Tascabili Bompiani, Milano, 2005.
  • Friedrich Schiller, Lettere sull’educazione estetica e altri scritti, trad. R. Heller e G. Calò, Sansoni, Firenze, 1927.
  • D.G. Singer e J.L. Singer, Nel regno del possibile, Giunti, Firenze, 1995.
  • G. Staccioli, Il gioco e il giocare, Carocci, Roma, 2004.
  • G. Staccioli, Culture in gioco, Carocci, Roma, 2005.
  • A. Acerbi, D. Martein, Il gioco è di più, Ed. Junior, Bergamo,2005.