Homo Ludens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Homo ludens
Joan Huizinga, Homo ludens maitrier.jpg
AutoreJohan Huizinga
1ª ed. originale1938
1ª ed. italiana1946
Generesaggio
Lingua originaleolandese

Homo ludens (nell'originale olandese: Homo ludens. Proeve eener bepaling van het spel-element der cultuur) è un libro di Johan Huizinga pubblicato nel 1938, in cui si esamina il gioco come fondamento di ogni cultura dell'organizzazione sociale, e si evidenzia il fatto che anche gli animali giocano, quindi il gioco rappresenta un fattore preculturale. Il testo di Huizinga influenzerà a vent'anni dalla sua uscita diversi movimenti culturali, tra i quali il situazionismo, dei quali è in fondo creditore, date le ricerche sulla civiltà ludica. Nel 1976 Constant Nieuwenhuys afferma:

«L'Homo Ludens vorrà lui stesso trasformare e ricreare questo ambiente e questo mondo secondo i suoi bisogni. L'esplorazione e la creazione dell'ambiente verranno allora a coincidere perché l'Homo ludens, creando il suo territorio da esplorare, si occuperà di esplorare la propria creazione»

(da Careri, New Babylon, p. 36)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il famoso autore di videogiochi Hideo Kojima ha basato la creazione del personaggio Homo Ludens proprio sulle teorie di Huizinga.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Johan Huizinga, Homo ludens, traduzione di Corinna von Schendel, Milano: Il Saggiatore, 1967.
  • Johan Huizinga, Homo ludens, saggio introduttivo di Umberto Eco, Milano: CDE, 1985.
  • Johan Huizinga, Homo ludens, Einaudi, 2002, ISBN 978-88-06-16287-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]