Luca Tarigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luca Tarigo (Genova, ... – ...) è stato un navigatore italiano nato a Genova nella seconda metà del XIV secolo.

Poco si conosce della sua vita. Nel 1347 partendo dalla sua base di Caffa sul Mar Nero, attraverso il Mar d'Azov risalì il corso del fiume Don a bordo di un'imbarcazione a remi detta fusta. Successivamente, via terra, la spedizione raggiunse il fiume Volga di cui ridiscese il corso, alternando commercio e pirateria, fino a raggiungere il Mar Caspio. Assalito a sua volta da predoni, Tarigo rientrò fortunosamente a Caffa, rendendo così noti i risultati delle proprie esplorazioni[1].

Il suo nome è stato dato ad un cacciatorpediniere della Regia Marina italiana che operò durante la seconda guerra mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ N. Sarto, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nikolai Murzakevič. Storia delle colonie genovesi in Crimea. Edizioni Sagep, 1992. ISBN 8870584674.
  • Nicola Sarto. Gli esploratori - poi cacciatorpediniere - classe "Navigatori", "Marinai d'Italia", 2007, 12, 17-32.
  • Alessandro Augusto Monti. L'avventura di Luchino Tarigo. Milano, Casa Editrice Ceschina, 1928.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie