Linea C (metropolitana di Buenos Aires)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Línea C (SBASE).svg Linea C
Linea della metropolitana di Buenos Aires
Inaugurazione 1934
Ultima estensione 1936
Gestore Metrovías
Materiale rotabile Nagoya
Scartamento 1435 mm
Trazione 1500 V CC
Stazioni 9
Lunghezza 4,5 km
Distanza media
tra stazioni
500 m
Tempo di percorrenza 13 min

La Linea C della metropolitana di Buenos Aires, venne aperta al pubblico il 9 novembre 1934, si estende su 4,5 km tra le stazioni del Retiro e la Constitución. Corre sotto le strade Lima Sur, Bernardo de Irigoyen, Carlos Pellegrini, Esmeralda, Plaza San Martín e Avenida Ramos Mejía, successivamente arriverlà fino alla stazione di Retiro.

È stata la terza linea metropolitana ad essere aperta dopo la Linea A e la Linea B.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un treno della Linea C
Treno presso la stazione di Diagonale Norte

All'inizio degli anni'30 la Compañía de Tranvías Anglo Argentina (CTAA) iniziò a lavorare alla costruzione della Linea C. Ma a causa di vari problemi, legati anche alla Grande depressione e alla crisi mondiale i lavori vennero interrotti.

In data 30 luglio 1930 la CHADOPyF (Compañía Hispano Argentina de Obras Públicas y Finanzas) ricevette l'approvazione del Consiglio Comunale di occuparsi della costruzione della linea, eliminando la CTAA dal progetto tramite l'ordinanza 4070.

I lavori andarono avanti, senza altri intoppi, e il 9 novembre 1934[1] venne aperta la prima tratta della linea da Costitucion a Diagonal Norte. La linea venne prolungamenta con altre tre stazioni (Retiro, Lavalle e General San Martin) che aprirono al pubblico il 6 febbraio 1936.

Problemi con il concessionario[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale concessionario della linea Metrovías ha ricevuto molteplici critiche a causa di vari motivi. Per quanto riguarda la Linea C le critiche sono state fatti in relazione ai lavori svolti dalla società sulla linea:

  • il tipo di traverse usate per sostituire quelle vecchie, che poi vennero lasciate lungo tutto il tratto della linea
  • il ristringimento dello spazio tra il treno e la parete della galleria
  • l'aumento dell'inquinamento acustico

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La linea è elettrificata tramite linea aerea con tensione a 1500 volt a corrente continua, così come la Linea D e la Linea E.

È composta in totale da 9 stazioni e si estende per 4,5 km.

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Il materiale rotabile su questa linea è composta da 10 treni Mitsubishi 1960/63. Nel 1999 vennero acquistate per la metropolitana dei treni prodotti in Giappone nella città di Nagoya che vennero destinate alla Linea D. Le quali vennero, nel 2007, spostate sulla Linea C quando i treni della Alstom sostituirono i treni Nagoya. Attualmente sulla linea ci sono 13 treni, ma solamente 10 sono in funzione.

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'elenco che segue, a fianco ad ogni stazione, sono indicati i servizi presenti e gli eventuali interscambi ferroviari:

Rappresentazione grafica
Una delle entrate della stazione Retiro
Fermata Apertura Interscambi Note
Retiro 6 febbraio 1936 Stazione ferroviaria Feature ticket office.svg
General San Martin Feature ticket office.svg
Lavalle Feature ticket office.svg
Diagonal Norte 9 novembre 1934 Línea B (SBASE).svg Línea D (SBASE).svg Feature ticket office.svg
Avenida de Mayo Línea A (SBASE).svg Feature ticket office.svg
Moreno Feature ticket office.svg
Indipendencia Línea E (SBASE).svg Feature ticket office.svg
San Juan Feature ticket office.svg
Costitucion Stazione ferroviaria Feature ticket office.svg

Progetti Futuri[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i progetti sulla costruzione delle linee metropolitane di Buenos Aires, la Linea C oltre agli attuali scambi con le altre linee esistenti, avrà un'altra stazione di scambio con la Linea H e la Linea E presso la stazione di Retiro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) La línea de los españoles, 78 años uniendo destinos“, enelsubte.com, 9 novembre 2011. (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti