Linda Murri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 «[...]
Tu cerchi, nel sogno, due teste
di bimbi - i tuoi bimbi - lontani:
non v'è sangue sulla tua veste,
non v'è sangue sulle tue mani.
[...]
Chi sa? T'assolveranno, o Madre.
Chi sa? Ti daranno ai figliuoli.
Fra un grumo di sangue ed un carcere
oh, sarebbero troppo soli.»
[1]

Linda Murri

Teodolinda Murri, chiamata Linda (Fermo, 12 settembre 1871Roma, 4 dicembre 1957), figlia del cattedratico e clinico di fama internazionale Augusto Murri, fu protagonista con i suoi familiari di un celebre processo svoltosi agli inizi dell'età giolittiana che ebbe vasta risonanza presso l'opinione pubblica e che si concluse con la sua condanna per complicità con il fratello Tullio per l'assassinio del marito il conte Francesco Bonmartini [2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Bonmartini
Augusto Murri
Tullio Murri in carcere
Carlo Secchi
Pio Naldi

Linda, che era stata educata dal padre progressista repubblicano ai valori della cultura laica e del libero pensiero, dopo una deludente storia d'amore con un allievo del padre, Carlo Secchi, era stata mandata ospite da Teresa Crovato un'amica di famiglia che le aveva fatto conoscere il conte Francesco Bonmartini, appartenente a una famiglia di sentimenti clericali e reazionari dell'aristocrazia terriera veneta. Il giovane si era presentato come un amabile e assiduo corteggiatore che la Crovato descriveva come onesto e molto ricco. Linda esitava a pronunciarsi ma alla fine, convinta anche dalla madre, accettò nel 1892 di fidanzarsi. La fitta corrispondenza che la giovane intrecciò con il fidanzato rivelò la vera natura grossolana e volgare di Bonmartini che nonostante tutto ella sposò il 17 ottobre 1892. Gli sposi si stabilirono a Padova nella casa del conte: un'abitazione cupa e scomoda dove l'unico ruolo che vi doveva svolgere Linda era, a parere del marito, quello di fare la calza. La prima figlia che nacque dal matrimonio fu quasi ripudiata dal conte che desiderava un maschio che, rachitico e malaticcio, Linda partorì nel gennaio del 1896. Nel frattempo Bonmartini aveva deciso di laurearsi in medicina e, essendo privo di diploma, aveva chiesto di favorire la sua iscrizione all'università al suocero che aveva decisamente rifiutato. Il conte riuscì tuttavia per suo conto a frequentare l'università di Camerino dove si accinse a laurearsi.

I continui litigi tra i coniugi Bonmartini alla fine portarono alla separazione legale chiesta da Linda che la ottenne il 26 ottobre 1899. La giovane intanto aveva iniziato una relazione con Carlo Secchi, l'uomo che aveva amato da fanciulla e che ora poteva frequentare assiduamente con la complicità di una sua cameriera Tisa Borghi, anche lei già amante per breve tempo dello stesso uomo. Bonmartini si era intanto laureato e il fratello di Linda, Tullio, che dopo quella in Giurisprudenza aveva conseguito una seconda laurea in lettere, si incontrava spesso con la sorella, alla quale era legato da un affetto ossessivo, per scambiarsi reciproche confidenze. Tullio aveva inoltre iniziato la sua carriera politica ottenendo la carica di consigliere municipale sconfiggendo alle elezioni Giosuè Carducci. Bonmartini nel frattempo premeva senza esito sul recalcitrante suocero per ottenere un incarico come suo assistente presso l'Università di Bologna. Nel 1902 parenti ed amici, lo stesso Tullio, cercarono di far pacificare i coniugi che si riconciliarono con il tacito accordo di continuare a vivere ciascuno la propria vita.

Bonmartini continuava ad insistere per ottenere l'incarico di assistente e minacciava Linda che se non l'avesse aiutato ad ottenere presso il padre quanto chiedeva si sarebbe trasferito a Padova portando con sé i figli. Linda raggiunse il marito in vacanza a Venezia con i figli dalla Svizzera dove era andata con Carlo Secchi per curarsi un occhio malato portando con sé come governante Rosina Bonetti, l'amante del fratello Tullio che si convinceva sempre di più che il Bonmartini doveva essere eliminato prima che avesse portato sua sorella alla morte per disperazione.

L'assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Tullio, ormai deciso ad uccidere il conte, lo sfidò a una lotta con l'intento di immobilizzarlo e di fargli iniettare da Rosina il curaro che gli aveva fornito Carlo Secchi. Ma il tentativo non riuscì perché fu il Bonmartini ad atterrare Tullio che non desisté però dal suo progetto.

Incontrò, il 27 agosto del 1902, per farlo suo complice, per denaro, dell'omicidio, Pio Naldi, un giovane che aveva mostrato grande talento nella professione della medicina ma sempre senza un soldo per il vizio del gioco. Il piano per l'omicidio prevedeva che egli avrebbe dovuto stordire il conte che poi Tullio avrebbe ucciso. Naldi non era affatto convinto del piano e cercò di persuadere Tullio a desistere ma non avvertì la polizia.

La mattina del 28 agosto la portinaia scoprì che fine aveva fatto il conte Bonmartini che tornato a Bologna dalle vacanze sei giorni prima era da allora sparito dalla circolazione. Il conte fu trovato nel suo appartamento ucciso a pugnalate con il corpo in avanzato stato di decomposizione. Le successive indagini della polizia portarono alla scoperta di un piccolo appartamento vicino a quello del conte che era stato preso in affitto da Linda sotto falso nome e di cui si era servita per incontrare Carlo Secchi.

Senza aspettare i funerali del marito Linda, il cui rapporto adulterino era ormai a conoscenza dei giornali che ne trattavano ampiamente, si rifugiò per sfuggire allo scandalo con la famiglia in Svizzera, da dove la riporterà a Bologna lo stesso professor Augusto Murri che l'11 settembre denuncerà Tullio come autore dell'omicidio che il figlio gli aveva così confessato in una lettera: egli assieme alla sua amante Rosina Bonetti e a Pio Naldi si erano introdotti in casa del conte Bonmartini con una chiave che Linda, ancora a Venezia, aveva dato alla Bonetti. All'arrivo in casa del conte, Tullio aveva avuto un alterco e quindi uno scontro fisico con questi che egli sosteneva avesse tentato di accoltellarlo e che egli, per difendersi, l'aveva ucciso.

La Bonetti venne arrestata per complicità assieme a Naldi e a Linda, mentre suo fratello si era già costituito. In seguito venne arrestato anche Carlo Secchi che aveva fornito del curaro a Tullio e che gli aveva dato una somma di denaro poi trovata nella disponibilità di Pio Naldi.

Il processo e le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Il processo che si svolse con gli interventi di 18 avvocati e, per la prima volta nella storia processuale italiana, con l'assistenza di periti psichiatrici, iniziò con grande clamore mediatico il 21 febbraio 1905 a Torino e si concluse il 12 agosto con le seguenti condanne:

  • a Tullio Murri per omicidio premeditato, 30 anni di carcere
  • a Pio Naldi 30 anni per complicità nell'omicidio
  • a Linda Murri 10 anni per complicità
  • a Rosina Bonetti condannata per favoreggiamento con pena ridotta a 7 anni e mezzo per accertata seminfermità mentale
  • a Carlo Secchi 10 anni per complicità.

Nel 1906 il re Vittorio Emanuele III concesse la grazia [3] a Linda Murri che si risposò con Francesco Egidi, precettore dei suoi figli. La donna si ritirò per alcuni anni nella tenuta di famiglia a Porto San Giorgio da dove si trasferì successivamente a Roma. Qui visse scrivendo di libri di parapsicologia. Colta da paralisi nel 1950 morì nel 1957.

Tullio Murri scontò 17 anni scrivendo in carcere varie opere e romanzi e un libro-inchiesta, Galera, che fu apprezzato in Italia e all'estero. Morì nel 1930 tre anni prima della morte del padre.

Carlo Secchi morì in carcere. Rosina Bonetti fu liberata dal carcere e rinchiusa in un manicomio.

Pio Naldi fu liberato nel 1919 e esercitò la professione di medico condotto apprezzato per la sua bravura e bontà d'animo.

L'ultima verità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 a distanza di quasi 100 anni dagli avvenimenti del caso Murri, Gianna, la figlia di Tullio Murri, nel libro La verità sulla mia famiglia e sul delitto Murri raccontò che il vero autore del delitto era stato un facchino di nome La Bella o Labella, amante di una governante di Linda, conosciuto come il "biondino" che in punto di morte avrebbe confessato a un prete il delitto scagionando Tullio che in realtà si era trovato sul luogo del crimine solo a delitto avvenuto. Tullio scrisse di questa rivelazione dopo essere stato liberato ma il carteggio, che sua moglie aveva venduto a Linda, andò perduto.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ada Negri, Per un'accusata, Opere
  2. ^ Ove non indicato diversamente, le informazioni contenute nel paragrafo "Biografia" hanno come fonte: Cinzia Tani, Assassine, Edizioni Mondadori, 2014
  3. ^ È stato scritto dalla figlia di Tullio Murri che il re graziò Linda per ricompensare Augusto Murri di aver salvato da morte per tifo la principessa Mafalda, figlia del sovrano (in Gianna Murri, La verità sulla mia famiglia e sul delitto Murri, Edizioni Pendragon, 2003, p.86 e sgg.)
  4. ^ Fernando Pellerano, L'ultima verità sul caso Murri, La Repubblica, 11 marzo 2003

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valeria P. Babini, Il caso Murri. Una storia italiana, il Mulino, Bologna 2004;
  • Laura Pupilli, Nata per dispetto. La storia di Linda Murri, A. Livi, Fermo 2004;
  • Gianna Murri, La verità sulla mia famiglia e sul delitto Murri, Pendragon, Bologna 2003.
  • Luca Steffenoni, I 50 delitti che hanno cambiato l'Italia, Newton Compton editori, Roma 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN285366966 · SBN: IT\ICCU\CUBV\117823
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie