Limone di Procida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Limone di Procida
Origini
Altri nomiLimone pane
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneCampania
Zona di produzioneIsola di Procida
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.

Il limone di Procida è un tipo di limone prodotto nell'isola di Procida, in Campania, secondo metodi e tecniche antiche tramandate di generazione in generazione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto, di pezzatura medio-grande, si presenta con una buccia grossa di colore giallo chiaro[1], con un'albedo di dimensione maggiori rispetto ad altre tipologie di limoni (per questo motivo, chiamato anche "limone pane"). Il loro profumo è intenso e il succo gradevolmente acido. Questo limone può essere utilizzato per fare succhi, per aromatizzare altri piatti, oppure può essere mangiato da solo, a fette, come dessert.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua coltivazione nell’isola è presente, a livello familiare, da lungo tempo, ma pare che la sua produzione su superfici più estese, diretta al mercato, sia iniziata solo dal secondo dopoguerra. La richiesta all’epoca era così sostenuta che il limone divenne più remunerativo della vite, per cui molti vigneti furono espiantati per farle posto. Attualmente ci sono molti ettari in totale abbandono in quanto la coltura è in fase di regresso[2].

La regione Campania lo ha inserito nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali campani.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ limone di Procida, su agricoltura.regione.campania.it. URL consultato il 22 giugno 2021.
  2. ^ Limone di Procida - Arca del Gusto, su Fondazione Slow Food. URL consultato il 22 giugno 2021.
  3. ^ [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]