Lesotho Defence Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forza di Difesa del Lesotho
Lesotho Defense Force
Coat of arms of Lesotho.svg
Stemma del Lesotho
Descrizione generale
Attiva1978
NazioneLesotho
Comandanti
Comandante attualeTn. Gen. Tlali Kamoli

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Lesotho Defence Force (LDF) è l'esercito e l'aeronautica militare del Lesotho.

Non c'è coscrizione in Lesotho.

Dei 400,457 (st. 2005) maschi di età tra i 18 e i 49 anni, la CIA [1] stima che 162.857 sono idonei al servizio militare.

Spese militari: $32.3 milioni (2004) 2.3% (2004) del GDP.

Il governo del Lesotho nel 1999 iniziò un dibattito aperto sulla futura struttura, le dimensioni, e il ruolo delle forze armate, soprattutto se si considera la storia d'intervento negli affari politici della Lesotho Defence Force (LDF). Nel 2001, nell'ambito di un accordo con l'India, un Army Training Team indiano (IATT) iniziò l'addestramento della LDF. Entro il 2011, è ampiamente percepito che la LDF è sulla buona strada per diventare una forza professionale e apolitica. Infatti, non vi è stata alcuna istanza dall'arrivo dell'IATT quando la LDF interferì con il processo politico. Vinse inoltre l'approvazione quando, il 22 aprile 2009, i suoi soldati respinsero un attacco mercenario alla residenza del Primo Ministro. Tuttavia, nell'agosto 2014 l'esercito ha tentato un colpo di stato militare.

I consiglieri per la sicurezza dell'India sono stati i brigadieri generali Jasbir Singh, Budhwar, Ranvir Yadav, Neeraj Bali (ora Mag. Gen.) e A.K. Das. Attualmente il brigadiere generale Birender Dhanoa è in possesso di quella carica.

La Forza ha attualmente una forza di circa 3100 soldati. Ha una equa rappresentanza di donne soldato. Tutti gli ufficiali incaricati devono servire prima nelle file per almeno tre anni.

È condotta da un generale a tre stelle, il Tn. Gen. Tlali Kamoli, che, nel 2014 viene però coinvolto in quello che era considerato un 'tentativo di golpe'.

Lesotho Defense Force Air Wing[modifica | modifica wikitesto]

Lo stormo aereo del Lesoto era in origine una propaggine dell'unità mobile di polizia parlamentare che nel 1978 iniziò ad operare con due trasporti STOL a doppia turboelica Shorts Skyvans, un Cessna A152 Areobat in affitto, due elicotteri MBB BO 105 e un Bell 47G convertito al solo potere a turboalbero costruito da Westland. Due elicotteri a doppia turbina Mil Mi-2 vennero donati dalla Libia nel 1983, ma vennero ritirati nel 1986.

Le consegne di un Bell e tre elicotteri Agusta-Bell AB 412 erano in ritardo nel 1983-1986 a causa dell'influenza del Sudafrica. La situazione cambiò quando un colpo di stato militare (1986) portò nuovi accordi di sicurezza con Pretoria per essere firmati. A metà degli anni ottanta lo stormo aereo venne ribattezzato Lesotho Defence Force. Nel 1989 gli Skyvans vennero sostituiti da due trasporti leggeri a turboelica CASA C. 212; uno si schiantò subito, richiedendo un terzo da consegnare nel 1992. Un quinto Bell 412 (un modello EP) venne consegnato nel maggio 1998 per sostituire quello cancellato nel gennaio 1998.

Aerei[modifica | modifica wikitesto]

Inventario attuale[modifica | modifica wikitesto]

Coccarda del Lesotho Defense Force Air Wing
Aereo Origine Tipo Variante In servizio Note
Trasporti
CASA C-212 Spagna utility / trasporto 2[1]
Elicotteri
Bell 206 Stati Uniti addestratore 1[1]
Bell 412 Stati Uniti utility 3[1]
Bo 105 Germania utility / esploratore 1[1]
EC135 Francia / Germania utility 1[1]

Aerei ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e World Air Forces 2015 pg. 22, Flightglobal Insight, 2015. URL consultato il 20 aprile 2015.
  • World Aircraft Information Files. Brightstar Publishing, London. File 340 Sheet 05
Controllo di autoritàVIAF: (EN150440080 · LCCN: (ENno2003037995
Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra