Lepilemur fleuretae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepilemure di Fleurete
Immagine di Lepilemur fleuretae mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Lepilemuridae
Genere Lepilemur
Specie L. fleuretae
Nomenclatura binomiale
Lepilemur fleuretae
Louis, 2006
Areale

Lepilemur fleuretae range map.svg

Il lepilemure di Fleurete (Lepilemur fleuretae Louis, 2006) è un lemure della famiglia Lepilemuridae, endemica del Madagascar.

Il nome della specie è un omaggio all'ecologista malgascia Fleurete Andriantsilavo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura fino a 60 cm di lunghezza, dei quali circa metà spettano alla coda.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Somiglia nel complesso ad un grosso lori munito di coda. Il pelo è uniformemente grigio scuro: le sopracciglia, il pelo attorno alla bocca, la gola, il petto e la parte interna delle cosce sono bianchi, mentre le spalle, i fianchi, gli avambracci e la coda presentano sfumature ramate. Le zone nude sono nerastre, così come gli occhi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa in una ristretta area nella zona costiera sud-orientale del Madagascar, grossomodo fra i fiumi Mandrare e Mananara.[1]

Predilige la foresta pluviale, sia primaria che secondaria.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica Lepilemur fleuretae come specie in pericolo critico di estinzione (Critically Endangered).[1]

Parte del suo areale ricade all'interno del Parco nazionale di Andohahela.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Andriaholinirina N. et al., 2014, Lepilemur fleuretae, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.2, IUCN, 2016. URL consultato il 25 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]