Faker (giocatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lee Sang-hyeok)
Jump to navigation Jump to search

Faker (페이커?, Pe-ikeoLR), pseudonimo di Lee Sang-hyeok[1] (이상혁?, I Sang-hyeokLR; Seul, 7 maggio 1996), è un giocatore professionista di League of Legends sudcoreano.

Precedentemente noto come GoJeonPa (고전파?) sul server coreano, dal 2013 gioca nella squadra SK Telecom T1 nel ruolo di mid laner.[2][3] Noto per le sue forti abilità meccaniche e l'ampiezza del suo gruppo di campioni,[4][5] è considerato uno dei migliori giocatori di League of Legends di sempre,[6] soprannominato "Unkillable Demon King" oppure "God",[5][7] ed è stato il primo a raggiungere le mille e le duemila uccisioni nel campionato coreano.[8][9] Il riconoscimento ottenuto a livello globale l'ha reso un simbolo non solo di League of Legends, ma anche della cultura e della comunità degli sport elettronici nel loro complesso.[10]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da bambino, Faker cresce nel distretto di Gangseo a Seul insieme al fratello minore, allevato dal padre Lee Kyung-joon, di professione carpentiere, e dai nonni.[5] Inizia a giocare in età precoce, interessandosi a League of Legends quando viene lanciato in Corea nel 2011 e diventando rapidamente uno dei giocatori più forti del server locale, noto come GoJeonPa, finché nel 2013 viene assunto dalla squadra professionista SK Telecom T1 e cambia nome in Faker.[5] Per perseguire la carriera negli sport elettronici, lascia gli studi appena iniziati alla scuola superiore Mapo.[5][11]

Esordisce tra i professionisti ad aprile 2013 giocando contro i CJ Blaze, e nel corso dei dodici mesi successivi i T1 arrivano alle semifinali del campionato coreano, mentre durante la sua seconda stagione nella squadra si aggiudicano il campionato mondiale, vincendo altre quindici partite consecutive.[5] Nel corso del 2015 condivide la sua posizione di mid laner con Lee "Easyhoon" Ji-hoon, che gli fa da riserva.[12] I T1 vincono in seguito il Mid-Season Invitational 2016 contro i Counter Logic Gaming grazie alla performance di Faker e del compagno di squadra Bang.[13] Due mesi dopo, è il primo giocatore del campionato coreano a totalizzare mille uccisioni.[8] Quell'anno la squadra si aggiudica per la terza volta il torneo mondiale, del quale Faker è eletto MVP.[14] Il giocatore rinnova inoltre il contratto con gli SK Telecom T1.[15]

Il 6 febbraio 2017, Faker tiene la sua prima diretta su Twitch, raggiungendo un picco di 245.100 spettatori e segnando il record per il maggior numero di visualizzazioni ottenute fino a quel momento da un singolo streamer (il primato è infranto un anno dopo da un altro giocatore di League of Legends, Tyler1).[16] Il 17 luglio 2018 gioca la sua quattrocentesima partita nel campionato coreano, sconfiggendo l'avversario 2 a 1,[17] e a novembre rinnova con i T1 per altri tre anni.[18]

Nel 2019 è inserito nella lista di Forbes 30 Under 30 Asia nella categoria Intrattenimento e sport.[19] Il 7 luglio i T1 vincono il campionato Rift Rivals della lega coreana,[20] e Faker diventa così il primo e unico giocatore ad aver trionfato a tutti i tornei internazionali di League of Legends (Mid-Season Invitational, campionato mondiale, Rift Rivals e All-Star) organizzati da Riot Games.[21] Il 21 agosto gioca la sua cinquecentesima partita durante gli LCK Summer Playoffs,[22] che i T1 si aggiudicano per l'ottava volta dal suo ingresso in squadra.[23] Il 27 ottobre consegue la sua centesima vittoria internazionale sconfiggendo gli Splyce al campionato del mondo.[24]

Il 18 febbraio 2020, Faker estende il proprio contratto con la squadra fino al 2022, acquisendo anche la proprietà parziale di T1 Entertainment and Sports.[25][26] Un mese dopo è il primo giocatore della lega coreana a raggiungere le duemila uccisioni.[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 – Korea e-Sports Association, League of Legends MVP Award[27]
  • 2015 – Korea e-Sports Association, League of Legends eSports Award of the Year[28]
  • 2016 – Korea e-Sports Association, League of Legends eSports Award of the Year[29]
  • 2018 – Premio David Yan come giocatore più amato[19]
  • 2018 – Korea Esports Hall of Fame (Esports Stars)[30]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Lee" è il cognome.
  2. ^ (EN) Mina Kimes, From The Mag: The Unkillable Demon King, su espn.com. URL consultato il 3 novembre 2020.
  3. ^ (EN) Vince Koyle, Faker extends his contract with SKT untill 2021, su dailyesports.gg, 18 novembre 2019. URL consultato il 3 novembre 2020.
  4. ^ (EN) Faker, su na.lolesports.com. URL consultato il 3 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2015).
  5. ^ a b c d e f (EN) Mina Kimes, From The Mag: The Unkillable Demon King, su espn.com, 6 ottobre 2015. URL consultato il 3 novembre 2020.
  6. ^ (EN) Sam Nordmark, The 10 Best Players in Esports History (2017 Update), su dotesports.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 3 novembre 2020.
  7. ^ (EN) Tyler Erzberger, How Faker and his father made way for the Unkillable Demon King's return, su espn.com, 1º novembre 2019. URL consultato il 5 novembre 2020.
  8. ^ a b (KO) Song Chang-sik, '페이커' 이상혁, 역대 최초 롤챔스 통산 1,000킬 달성, su fomos.kr, 11 luglio 2016. URL consultato il 4 novembre 2020.
  9. ^ a b (EN) David "Viion" Jang, League of Legends: Faker reaches 2,000 kills in the LCK, su invenglobal.com, 5 marzo 2020. URL consultato il 3 novembre 2020.
  10. ^ (EN) Sohn Ji-young, [Herald Interview] Meet 'Faker': Korean League of Legends talent extraordinaire, su koreaherald.com, 8 novembre 2018. URL consultato il 5 novembre 2020.
  11. ^ (KO) [기획 영상] 충격 실화! '페이커', '데프트'는 같은 고등학교였다, su sports.news.naver.com, 12 luglio 2019. URL consultato il 3 novembre 2020.
  12. ^ (EN) Sameul Lingle, Faker gets benched, comes back with a pentakill, su dailydot.com, 7 gennaio 2017. URL consultato il 3 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2016).
  13. ^ (EN) Budgie Smuggler, Korea’s SKTelecom T1 wins the 2016 Mid-Season Invitational, su nexus.leagueoflegends.com, 15 maggio 2016. URL consultato il 4 novembre 2020.
  14. ^ (EN) Kellen Beck, 'Faker' wins MVP as SKT claims another 'League of Legends' championship, su mashable.com, 30 ottobre 2016. URL consultato il 4 novembre 2020.
  15. ^ (KO) Go Yong-joon, '페이커' 이상혁, SK텔레콤과 사상 최고대우 재계약...뱅-울프-블랭크 남고, 듀크-벵기 떠난다(종합), su sports.news.naver.com, 29 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2020.
  16. ^ (EN) Aaron Mickunas, Tyler1's stream hits 300k viewers in 20 minutes, breaking Faker's record and crashing Twitch, su dotesports.com, 8 gennaio 2018. URL consultato il 4 novembre 2020.
  17. ^ (EN) Hongje "Koer" Kim, Hee Eun "Youii" Yoo e Woo "Ready" Hyun, League of Legends: SKT Faker: "I had thought that individual performance was the most important. However, nowadays, it's a lot more strategical -- there is a lot more to think about.", su invenglobal.com, 17 luglio 2018. URL consultato il 4 novembre 2020.
  18. ^ (EN) Woo "Ready" Hyun, League of Legends: Faker Remains With SK Telecom T1, su invenglobal.com, 20 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2020.
  19. ^ a b (EN) Sang-hyeok Lee (Faker), su forbes.com. URL consultato il 4 novembre 2020.
  20. ^ (EN) David "Viion" Jang, League of Legends: [Rift Rivals Finals] LCK Soar Over LPL for their First Rift Rivals Championship, su invenglobal.com, 7 luglio 2019. URL consultato il 4 novembre 2020.
  21. ^ (KO) '페이커' 이상혁, 라이엇 주최 대회 모두 석권…개인 커리어 통산 16관왕, su sports.news.naver.com, 9 luglio 2019. URL consultato il 4 novembre 2020.
  22. ^ (EN) Faker Hits Career Milestone, Playing 500 LCK Games, su gamelife.com, 24 agosto 2019. URL consultato il 4 novembre 2020.
  23. ^ (EN) League of Legends: [2019 LCK Summer Finals] Faker Claims His Eighth LCK Trophy, su invenglobal.com, 31 agosto 2019. URL consultato il 4 novembre 2020.
  24. ^ (EN) Matthew Stupienski, Worlds behind the numbers: Faker notches 100th career international win, su espn.com, 27 ottobre 2019. URL consultato il 4 novembre 2020.
  25. ^ (KO) Lee Han-bit, 이상혁, T1 파트 오너 된다, 선수 계약도 2022년까지 연장, su sports.news.naver.com, 18 febbraio 2020. URL consultato il 4 novembre 2020.
  26. ^ (EN) Lara Lunardi, League of Legends: Faker extends his contract for three years, becomes partial owner of T1 Entertainment and Sports, su invenglobal.com, 18 febbraio 2020. URL consultato il 4 novembre 2020.
  27. ^ (KO) LoL, ‘2013 대한민국 e스포츠 대상’에서 ‘올해의 대상’ 팀 배출, su news.naver.com, 11 febbraio 2014. URL consultato il 4 novembre 2020.
  28. ^ (KO) Jo Hak-dong, 2015대한민국e스포츠대상 개최.. '페이커' 이상혁 선수 대상 수상, su game.donga.com, 25 novembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2020.
  29. ^ (EN) League of Legends: Faker sweeps the 2016 KeSPA eSports Awards, su invenglobal.com, 24 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2020.
  30. ^ (EN) Patty Yu, Opening Ceremony of the Korean Esports Hall of Fame with Honorary Starcraft and LoL Players, su akshonesports.com, 23 agosto 2018. URL consultato il 4 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]