Leandro Manfrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leandro Manfrini (Monteggio, 11 marzo 1932Lugano, 14 gennaio 2016) è stato un giornalista e scrittore svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia diritto presso l'Università di Zurigo e giornalismo all'Università di Neuchâtel e di Milano.

Dopo 10 anni da giornalista per due testate ticinesi (Libera Stampa e Giornale del Popolo), nel 1967 iniziò a collaborare con la Televisione della Svizzera Italiana (RSI) quale responsabile degli Esteri prima e come Capo Struttura Informazione poi.

Ha girato un centinaio di documentari in 38 paesi, specialmente in Asia (ai tempi della guerra in Vietnam) e in Sudamerica, in particolare in Argentina, Cile e Paraguay, dove tra l'altro ha realizzato nel 1992 il lungometraggio “Desencuentros” che ha rappresentato la Svizzera al primo Festival Internazionale cinematografico in Cina a Shanghai oltre a quelli di Locarno e di Mons in Belgio.

Ha vinto nel 1974 il Premiolino per il contributo nel campo della libertà di stampa.

Si è spento il 14 gennaio 2016 all'età di 83 anni presso la casa anziani del Ricordone per una polmonite[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Leandro Manfrini, http://www.rsi.ch/, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.