Lazzaro Frizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lazzaro Frizzi
Lazzaro Frizzi.gif

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XI, XII
Gruppo
parlamentare
Destra
Collegio Asola

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 20 marzo 1915 –
Legislature XXIV

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Lazzaro Israel Frizzi (Trieste, 5 febbraio 1838Milano, 4 settembre 1919) è stato un avvocato, patriota, politico e filantropo italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Originario della Trieste austro-ungarica, discendente da una illustre dinastia ebraica ivi radicata dal 1838, si trasferisce adolescente presso alcuni conoscenti di Milano, dove compie gli studi liceali e si laurea in giurisprudenza. Nel capoluogo lombardo, dove si stabilisce in via definitiva, esercita la professione di avvocato erariale e prende parte alla vita politica locale nelle file del partito liberale moderato, per il quale viene eletto deputato nel 1870 e 1874, non rieletto dopo la presa di potere della sinistra storica. Fautore della completa riunificazione italiana e convinto irredentista, si arruola volontario allo scoppio della seconda e terza guerra d'indipendenza, e dal 1887 prende parte attiva alla politica locale come consigliere comunale di Milano e Ostiano e consigliere provinciale di Cremona. Viene nominato senatore a vita nel 1914.

La sua figura, oltre che per la politica, è ricordata per il grande impegno filantropico nelle più svariate forme di assistenza; è infatti stato consigliere a presidente degli Istituti ospitalieri di Milano, presidente della Scuola professionale femminile "Laura Solera Mantegazza", membro corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere e consigliere del Pio Istituto dei rachitici, istituzione da lui stesso fondata e personalmente finanziata per oltre tre decenni.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]