Lari (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lari
Larus argentatus by Malene Thyssen.jpg
Larus argentatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Charadriiformes
Sottordine Lari
Sharpe, 1891
Famiglie
  • vedi testo

I Lari Sharpe, 1891 sono un sottordine di Charadriiformes a cui appartengono gabbiani, stercorari, alche, sterne, becchi a forbice e corrioni. Sono tutti uccelli strettamente legati ad ambienti acquatici, per la maggior parte marini, ma talvolta adattati agli ambienti dell'entroterra. Le dimensioni variano a seconda della famiglia, dai grandi Laridi e Stercoraridi, ai più piccoli Alcidi e Glareolidi. Si nutrono prevalentemente di pesci o di invertebrati acquatici.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo recenti ricerche filogenetiche, ai Lari appartengono 4 famiglie:[1][2]

  • Glareolidae: pernici di mare e corrioni (17 spp.)
  • Laridae: gabbiani, sterne, becchi a cesoie (102 spp.)
  • Stercorariidae: stercorari (7 spp.)
  • Alcidae: pulcinelle di mare, urie, gazze di mare e affini (25 spp.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Order Charadriiformes - Coursers, noddies, gulls, terns, auks & sandgrouse, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 13 maggio 2014.
  2. ^ John H. Boyd, Charadriiformes, su Taxonomy in Flux: Version 2.65. URL consultato l'11 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli