La farfalla degli abissi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La farfalla degli abissi
Titolo originaleLe papillon des abîmes
AutoreSerge Brussolo
1ª ed. originale2002
1ª ed. italiana2003
Genereromanzo
Sottogenerefantasy per ragazzi
Lingua originale francese
ProtagonistiPeggy Sue
CoprotagonistiIl Cane Blu
Altri personaggiSebastian, Nonna Katy
SeriePeggy Sue e gli invisibili
Preceduto daIl sonno del demonio
Seguito daLo zoo stregato

La farfalla degli abissi (titolo originale Le papillon des abîmes) è un romanzo fantastico per ragazzi del 2003, terzo libro della serie Peggy Sue e gli invisibili, scritta originariamente in lingua francese dall'autore Serge Brussolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Shaka Kandarek, lo strano paese in cui vive nonna Katy, dove i gatti assorbono le preoccupazioni degli uomini e i loro mantelli ne assorbono le fatiche, succedono cose più strane del solito.

L'immensa farfalla che vola sopra la città e che regala un poco di felicità a chi riesce a stare sotto la sua ombra, è minacciata da esseri malvagi che abitano sulle nuvole: non appena la farfalla, normalmente invisibile, torna visibile per riprendere le forze, questi esseri la bombardano di fulmini da loro fabbricati che, una volta caduti a terra, si solidificano e divengono oro.

Peggy Sue salirà quindi sulle nuvole e farà esplodere la fornace degli esseri malvagi, che si riveleranno essere gli invisibili. Ma la farfalla, spaventata dall'esplosione, si getterà nel vulcano che porta al centro della terra, dove tutto vive in funzione dei suoi umori... cosa succederà quando gli abitanti del villaggio discesi al centro della terra guasteranno con una caccia forsennata l'umore della farfalla? E come Peggy Sue potrà salvare l'animale millenario e tutta la popolazione da un freddo che congela persino il tempo e le parole?

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Serge Brussolo, Peggy Sue e gli invisibili: La farfalla degli abissi, traduzione di Andrea Grechi, collana Ragazzi, Fanucci, 2003, pp. 320.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]