LHS 1140

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
LHS 1140
Artist’s impression of the super-Earth exoplanet LHS 1140b.jpg
Immagine artistica della stella vista dai pressi del suo pianeta.
ClassificazioneNana rossa
Classe spettraleM4.5
Distanza dal Sole40,7 anni luce[1]
CostellazioneBalena
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta00h 44m 59,31s
Declinazione-15° 16′ 16,7″
Dati fisici
Raggio medio0,186 R
Massa
0,146 M
Temperatura
superficiale
3131 K[1] (media)
Luminosità
0,002981 L
Metallicità58% del Sole
Età stimata>5 miliardi di anni
Dati osservativi
Magnitudine app.+14,15[2]
Moto proprioAR: 317 mas/anno
Dec: -589 mas/anno
Nomenclature alternative
2MASS J00445930-1516166

Coordinate: Carta celeste 00h 44m 59.31s, -15° 16′ 16.7″

LHS 1140 è una stella nella costellazione della Balena, situata a circa 40 anni luce dal sistema solare. Nell'aprile del 2017 è stato scoperto un pianeta extrasolare di tipo roccioso orbitare attorno ad essa, situato nella zona abitabile, dove è possibile che esistano le condizioni perché sia presente acqua liquida sulla superficie del pianeta.

La stella è una piccola nana rossa più fredda e meno luminosa del Sole: la sua temperatura superficiale infatti è di poco superiore ai 3000 K, mentre massa e raggio sono rispettivamente il 15 e il 19% di quelli solari.

Pianeta[modifica | modifica wikitesto]

Cercle rouge 100%.svg
Cetus IAU.svg
La posizione della stella nella costellazione della Balena.

LHS 1140 b è un pianeta del tipo super Terra, con un raggio del 43% maggiore del raggio terrestre, mentre la sua massa è stimata essere oltre sei volte superiore. È stato scoperto con il metodo del transito tramite il MEarth Project e la notizia è stata pubblicata su Nature nell'aprile 2017.[3] Orbita in circa 25 giorni attorno alla stella madre, dalla quale riceve la metà della radiazione che la Terra riceve dal Sole.

Il Planetary Habitability Laboratory dell'Università di Porto Rico ad Arecibo stima una temperatura di equilibrio di circa 200 K, e nonostante riceva solo la metà della radiazione che riceve la Terra dal Sole, la sua relativa grande massa potrebbe avergli consentito di sviluppare un effetto serra tale da avere una temperatura superficiale adatta per conservare acqua liquida in superficie. Studi recenti suggeriscono che i pianeti in orbita attorno a nane rosse potrebbero avere una temperatura "gradevole" per la presenza di acqua liquida in superficie con flussi stellari che vanno da 0,2 a 0,8 masse solari, a seconda dei casi. Secondo lo studio di Jason A. Dittmann et al., il pianeta potrebbe aver passato un periodo in qualche modo simile a quello che sta passando Venere, e a causa della radiazione ultravioletta ricevuta dalla stella nei primi periodi della sua vita, l'acqua evaporò, lasciando un oceano di magma fuso in superficie. Tuttavia, lo stesso oceano di lava esistente un tempo potrebbe aver riportato in seguito l'acqua in superficie, tramite il vapor acqueo evaporato dall'ocenao di magma fuso, dopo che la stella, invecchiando, diminuì la sua emissione ultravioletta.[4][3]

Prospetto del sistema[modifica | modifica wikitesto]

PianetaTipoMassaRaggioPeriodo orb.Sem. maggioreEccentricitàIncl. orbitaScoperta
bSuper Terra6,65 ± 1,82 M1,43 ± 0,10 R24,737 giorni0,0875 UA0,2989,9122017

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni