Léon Daudet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Léon Daudet

Léon Daudet (Parigi, 16 novembre 1867Saint-Rémy-de-Provence, 30 giugno 1942) è stato uno scrittore e politico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Alphonse rinnegò ben presto le convinzioni liberali e repubblicane in cui era stato educato per aderire, nel clima polemico dell'affare Dreyfus, a posizioni monarchiche.

Nel 1907 fondò con Charles Maurras Action française, il foglio nazionalista che mosse i più violenti attacchi contro le istituzioni della terza repubblica.

Polemista, antisemita sulla scia di Edouard Drumont, violento e corrosivo[1] (Lo stupido secolo XIX, Le stupide dixneuvième siècle, 1921), fu anche narratore (Viaggio di Shakespeare, Le voyage de Shakespeare, 1895) e memorialista (Ricordi letterari, Souvenirs littéraires, 1925). Sin dalla fondazione, fu membro dell'Académie Goncourt.[1]

A lui Marcel Proust dedicò il terzo volume della Recherche, Le côte de Guermantes con queste parole: A Léon Daudet || l'autore | del Voyage de Shakespeare, | del Partage de l'Enfant, | dell'Astre noir, | di Fantômes et Vivants, | del Monde des Images, | di tanti capolavori. || All'incomparabile amico, | in segno di gratitudine | e ammirazione | M.P..[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pietro Paolo Trompeo, DAUDET, Léon, su Enciclopedia Italiana, treccani.it, 1931.
  2. ^ Marcel Proust, La parte di Guermantes, traduzione di Giovanni Raboni, Milano, Mondadori, 1995, p. 5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Daudet, Léon, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autoritàVIAF: (EN9541 · ISNI: (EN0000 0001 2319 6622 · LCCN: (ENn86847952 · GND: (DE118671065 · BNF: (FRcb11898724d (data) · NLA: (EN35033521 · BAV: ADV10261002