Ksar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ksar Ouled Sultane, presso Tataouine, Tunisia

Lo ksar (arabo: قصر qṣar), plurale ksour ( قصور qṣūr), è un tipico villaggio fortificato berbero diffuso nel Maghreb.

È composto generalmente da granai ed abitazioni cinti da un muro con quattro torri e una sola entrata che porta alla via principale centrale normalmente coperta. Il muro di cinta risulta di terra nella parte inferiore e di mattoni nella parte superiore, dove finestre strette e lunghe consentono nel contempo l'ingresso della luce e una buona difesa da potenziali nemici. I Ksar si trovano su colline o punti sopraelevati vicino ad oasi o corsi d'acqua al fine di poter essere meglio protetti da attacchi da parte di tribù nomadi.

Alla base della costruzione dello ksar c'è un modulo abitativo detto Ghorfa (camera in arabo), che serve per immagazzinare le derrate alimentari in previsione dei periodi di siccità.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola ksar deriva dalla parola araba qasr ("castello", ovvero "villaggio fortificato"), la quale deriva a sua volta dal latino castrum[1].

La parola berbera equivalente è aghrem (singolare) o ighrem (plurale).

Da ksar derivano a sua volta altre parole in altre lingue:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TLFI[collegamento interrotto] (Trésor de la Langue Française informatisé).
  2. ^ Ibid., « Alcazar » Archiviato il 23 febbraio 2011 in Wikiwix.
  3. ^ cassero, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 15 agosto 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]