Khenemetneferhedjet I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Khenemetneferhedjet
Louvres-antiquites-egyptiennes-img 2962 d.jpg
Statua della regina Khenemetneferhedjet I (1870-1860 a.C.). Museo del Louvre
Regina consorte d'Egitto, Grande Sposa Reale
In carica 1897 a.C. (o 1885 a.C.) –
1879/8 a.C.
Predecessore Ignota sposa di Amenemhat II
Successore Khenemetneferhedjet II
Luogo di sepoltura El-Lahun?
Dinastia XII dinastia egizia
Padre Amenemhat II?
Consorte Sesostri II
Figli Sesostri III

Khenemetneferhedjet I Ueret (... – ...) è stata una regina egizia della XII dinastia. Fu una sposa del faraone Sesostri II e la madre di Sesostri III, uno dei più importanti sovrani egizi[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Testa di una statua di Sesostri II in granito rosso. Museo del Cairo

Dovrebbe essere la medesima Khenemetneferhedjet menzionata come figlia di Amenemhat II su un sigillo, oggi conservato a New York. Ciò implica che fosse la sorella di suo marito Sesostri II, fatto ordinario nella storia delle dinastie egizie. Lei e Nofret II sono state ormai identificate come spose certe di Sesostri II, mentre resta incerto il legame con Khenemet e Itaweret; comunque erano tutte sue sorelle. Il nome di Khenemetneferhedjet era inoltre un titolo proprio delle regine d'Egitto, e significa Unita alla Corona Bianca. Il nome aggiuntivo Ueret significa La Grande o La Vecchia e servì per distinguerla da altre col suo nome, prima fra tutte la regina Khenemetneferhedjet II.

Viene menzionata su un sigillo e su un papiro rinvenuti a El-Lahun; il primo è conservato a Tonbridge, il secondo a Berlino. Inoltre esistono sue statue al Museo del Louvre e al British Museum, e compare nel complesso piramidale del figlio Sesostri III.

Probabilmente fu sepolta nel complesso piramidale del marito, a El-Lahun[1]. I suoi titoli furono: Sposa del Re, Madre del Re, Signora delle Due Terre, Figlia del Re (in quest'ultimo caso solo se identificabile correttamente con la figlia di Amenemhat II con questo nome[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson, 2004, p. 96, ISBN 0-500-05128-3.