Kato Pyrgos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kato Pyrgos
comunità
(EL) Κάτω Πύργος (Kato Pyrgos)
(TR) Aşağı Pirgo
Kato Pyrgos – Veduta
Localizzazione
StatoCipro Cipro
DistrettoNicosia
Territorio
Coordinate35°10′52.99″N 32°41′08.33″E / 35.181387°N 32.685647°E35.181387; 32.685647 (Kato Pyrgos)
Altitudine200 m s.l.m.
Superficie6,19 km²
Abitanti1 036[1] (2011)
Densità167,29 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Cipro
Kato Pyrgos
Kato Pyrgos
Sito istituzionale

Kato Pyrgos (in greco: Κάτω Πύργος; in turco Aşağı Pirgo) è una comunità (in greco: κοινότητα, traslitterato: koinótita) e un villaggio nel distretto di Nicosia a Cipro. Esso è la località più importante della Tillyria. Insieme al villaggio più piccolo di Pano Pyrgos (in greco: Πάνω Πύργος), fa parte di Pyrgos. La località aveva 1120 abitanti nel 2001.[2] A questi bisogna aggiungere i 30 abitanti di Pano Pyrgos.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È l'unico insediamento controllato dai greco-ciprioti nella baia di Morphou. È sita ai piedi del versante nord della regione montuosa del Troodos e appartiene al distretto di Nicosia. Si trova a circa 111 chilometri dalla capitale, il che corrisponde a circa 1,5 ore di macchina.

Anche la distanza da Paphos è di 111 chilometri, mentre il tempo occorrente per raggiungere Polis è di 50 minuti. La linea del cessate il fuoco turco (linea verde), dopo l'invasione turca del 1974, si trova sia a est che a ovest. In quest'ultima direzione si trova l'enclave di Kokkina.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del villaggio deriva da "Troulli", un piccolo edificio simile a una torre (Pyrgos), situato su una collina sopra la spiaggia della zona. In realtà, "Troulli" è stato utilizzato come posto di osservazione durante il periodo veneziano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli scavi archeologici che hanno avuto luogo a Pyrgos Tyllirias hanno portato alla luce una serie di reperti risalenti al periodo medievale. Questi includono parti di un edificio medievale, tombe, così come reperti mobili come una croce di bronzo e uno spillone. Inoltre, nel sito sono stati trovati oggetti di ceramica e metallo come vasi di terracotta, un anello intagliato e monete. Ulteriori scavi nel sito "Koilada-Palialona" hanno rivelato tombe che risalgono all'epoca ellenistica e sono state utilizzate fino all'epoca romana, o anche più tardi. Di particolare importanza per la realizzazione degli scavi archeologici è stato il sostegno finanziario fornito dal Vescovado di Kykkos.

Nel 1960, l'anno dell'indipendenza, la popolazione del villaggio era di 1049 persone, di cui solo due erano turco-ciprioti, il resto erano esclusivamente greco-ciprioti. A questo si aggiungono 244 abitanti, tutti di quest'ultima comunità, residenti a Pano Pyrgos.[3] Durante il conflitto intercomunitario greco-turco-cipriota che scoppiò a partire dal dicembre 1963, la località fu particolarmente colpita. Era circondata dalle enclavi turco-cipriote di Limnitis a est e Kokkina a ovest. Nel settembre 1964, ha subito le conseguenze dei combattimenti a Kokkina. L'8 agosto di quell'anno fu bombardata. Il contingente danese dell'UNFICYP aveva una sotto unità nella regione il cui posto di comando si trovava appena a ovest di Kato Pyrgos con postazioni di varie dimensioni (da 3 a 30 uomini) a Pachyammos, Agios Georgios, Agios Theodhoros, Mansoura, Piyi e Pigenia, mantenendo pattuglie mobili in tutta la zona.[4]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Nel villaggio ci sono due chiese. La vecchia chiesa è dedicata ad Agia Eirini e la nuova chiesa ai santi Constantinos ed Eleni. Le cappelle della zona sono dedicate a Agios Stylianos, Panagia Galoktisti e il profeta Elias.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio è noto per il suo clima eccellente, perché diversi alberi da frutto fioriscono nella zona. In particolare, la comunità è famosa per le sue pesche, limoni, arance, mandarini e molti altri frutti e verdure. È anche conosciuta per i suoi fichi.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Durante i mesi estivi diversi turisti da Cipro e dall'estero soggiornano anche nel villaggio, attratti dall'acqua marina cristallina, dall'aria di montagna e di mare, dal pesce fresco e dalla tradizionale ospitalità dei residenti. Inoltre lungo la costa ci sono diversi alberghi moderni. Durante i mesi estivi di luglio e agosto, il Consiglio Comunitario organizza spettacoli di musica e danza nella piazza e nella riserva di pesca.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

I lavori per l'apertura della strada Pyrgos - Limnitis hanno ridotto la distanza da Nicosia a circa 40-50 minuti. Un punto di attraversamento della Buffer Zone è stato aperto vicino a Kato Pyrgos il 18 ottobre 2010 per facilitare il trasferimento a Nicosia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EL) Απογραφή πληθυσμού 2011, su cystat.gov.cy, 1º ottobre 2011. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2018).
  2. ^ Census 2001
  3. ^ Ufficio stampa e informazione. Opuscolo La Repubblica di Cipro - distribuzione della popolazione per gruppi etnici. Repubblica di Cipro. Nicosia. 1995.
  4. ^ REPORT BY THE SECRETARY-GENERAL ON THE UNITED NATIONS OPERATION IN CYPRUS. Doc S/5950 10 September 1964

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cipro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cipro