Katia Piccolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Katia Piccolini
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirata 1999
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 171-110
Titoli vinti 1
Miglior ranking 37 (22 luglio 1991)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros 2T (1992)
Regno Unito Wimbledon 1T (1990)
Stati Uniti US Open 3T (1990)
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg Tour Finals -
WTA logo 2010.svg Tour Finals -
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (1992)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 17-35
Titoli vinti -
Miglior ranking 160 (20 aprile 1992)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open -
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg  Tour Finals -
WTA logo 2010.svg Tour Finals -
Olympic flag.svg Giochi olimpici -
Palmarès
Giochi del Mediterraneo Singolo  1 vittoria
Doppio  1 vittoria
Campionati italiani Singolo  3 vittorie
San Marino Open Singolo  1 vittoria
Per maggiori dettagli vedi qui
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Katia Piccolini (L'Aquila, 15 gennaio 1973) è un'ex tennista italiana.

Tre volte campionessa italiana (1990, 1991 e 1992)[1], vanta un titolo WTA (San Marino 1991, vinto in finale contro Silvia Farina Elia) [2], e due medaglie d'oro ai XI Giochi del Mediterraneo, disputati ad Atene nel 1991, dove vinse sia nel singolo che nel doppio[1]. La vittoria ad Atene le consentì di partecipare alle successive Olimpiadi di Barcellona 1992[1], dove fu eliminata al primo turno da Nicole Bradtke[2]

Ha vinto anche sette titoli minori ITF: Sezze nel 1992 e 1993, Subiaco nel 1988, Napoli nel 1990, Arzachena nel 1991, Acireale nel 1992 e Fiumicino nel 1998[2].

Si ritirò nel 1994, per fare però ritorno al tennis nel 1997. Ha definitivamente lasciato l'agonismo nel 1999.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Berardino Santilli, Piccolini e Pomilio, l'Abruzzo che vince l'oro (PDF)[collegamento interrotto], Il Centro, 31 gennaio 2009. URL consultato il 9 agosto 2010.
  2. ^ a b c d (EN) Katia Piccolini Activity, su sonyericssonwtatour.com. URL consultato il 9 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]