Karl Stauffer-Bern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto.

Karl Stauffer-Bern (Trubschachen, 2 settembre 1857Firenze, 24 gennaio 1891) è stato un pittore, incisore e scultore svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il maggiore di una famiglia di sei figli, quattro femmine e due maschi, prese le prime lezioni di disegno da sua madre, poi si formò come pittore e decoratore con Paul Volmar a Berna. Ha quindi studiato all'Accademia di belle arti di Monaco di Baviera[1] prima di partire per Berlino nel 1880. È stato anche insegnante alla Berlin School for Women Artists.[2] Ha vinto l'anno successivo una medaglia d'oro per un ritratto, che gli ha dato una certa fama in questo settore. Nel 1885, mentre era a Zurigo, conobbe Lydia Welti-Escher, figlia di Alfred Escher con cui intrattenne una relazione scandalosa da quasi 11 anni. Partito per l'Italia nel 1888, trovò lì la sua amante; l'anno seguente furono presi: Karl Stauffer fu arrestato e Lydia Welti-Escher fu internata in un manicomio. Si suicidò qualche anno dopo, senza aver mai visto la sua amante, che fu divorziata.

Il drammaturgo Herbert Meier descrive la vita del pittore nella sua commedia Stauffer-Bern (prima del 1974).

Il poema sinfonico Una sinfonia alpina di Richard Strauss (prima del 1915) era originariamente inteso come ritratto musicale di Stauffer-Bern, ma Strauss non si limitò a eseguire la parte musicale di arrampicata dell'appassionato Stauffer-Bern.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Paul Schlenther, Stauffer, Karl, in Allgemeine Deutsche Biographie, vol. 35, Lipsia, Duncker & Humblot, 1893, p. 527–529.
  2. ^ (EN) Spartacus Educational: Biography

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniel de Roulet: Un glacier dans le cœur Metropolis 2009 (page 11-17).
  • Otto Brahm: Karl Stauffer-Bern. Sein Leben, seine Briefe, seine Gedichte Stuttgart 1892.
  • Fritz Stöckli (Hrsg.): Karl Stauffer - Bern. Leben - Werk - Briefe Verlag Hallwag, Bern.1942.
  • Matthias Frehner, Brigitta Vogler-Zimmerli (Hrsg.): «Verfluchter Kerl!» Karl Stauffer-Bern, Maler, Radierer, Plastiker. NZZ Libro, Zürich 2007, ISBN 978-3-03823-362-6.
  • Bernhard von Arx: Karl Stauffer und Lydia Welti-Escher, Chronik eines Skandals. Hallwag, Bern 1969, Zytglogge, Bern/Bonn/Wien 1991, ISBN 3-7296-0408-2.
  • Willi Wottreng: Die Millionärin und der Maler: die Tragödie Lydia Welti-Escher und Karl Stauffer-Bern. Orell Füssli, Zürich 2005, ISBN 3-280-06049-4.
  • Wilhelm Schäfer: Karl Stauffers Lebensgang - Eine Chronik der Leidenschaft. München und Leipzig bei Georg Müller 1912.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27334403 · ISNI (EN0000 0000 7987 8123 · Europeana agent/base/27780 · LCCN (ENn50054049 · GND (DE11875288X · BNF (FRcb14934696c (data) · ULAN (EN500000670 · NLA (EN35760230 · WorldCat Identities (ENlccn-n50054049