Karl Eugen Dühring

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karl Eugen Dühring (Berlino, 12 gennaio 1833Nowawes, 21 settembre 1921) è stato un economista e filosofo tedesco.

Esponente del positivismo tedesco, sostenne ardentemente le tesi di un positivismo materialistico e ottimistico. Scrisse nel 1881 il trattato "La questione ebraica in quanto problema razziale, morale e culturale".

Le sue opere, infatti, attirarono l'attenzione di Nietzsche, che concordava con lui nella condanna dello spirito del cristianesimo e non solo, gli valsero una polemica risposta di Friedrich Engels, nel famoso Anti-Dühring, a proposito della differenza fra materialismo volgare e materialismo dialettico.

Nietzsche critica velatamente il pensiero di tale filosofo nell'aforisma primo de La gaia scienza. In particolare, Nietzsche si prende gioco di lui in quanto maestro dello scopo dell'esistenza, ovvero sostenitore dell'idea che la vita umana sia finalizzata a uno scopo conscio. Secondo tali maestri, la vita è sensata solo in nome di un fine estraneo a essa: un mondo finto e menzognero viene sostituito al mondo reale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il valore della vita
  • La dialettica della natura
  • Storia critica dei principi generali della meccanica
  • La questione ebraica in quanto problema razziale, morale e culturale

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN83259 · LCCN: (ENn80104393 · SBN: IT\ICCU\MILV\087758 · ISNI: (EN0000 0001 1034 5457 · GND: (DE118527797 · BNF: (FRcb12340062b (data) · CERL: cnp01298124