Karin Bergöö Larsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karin Bergöö Larsson, fotografata attorno al 1882
Firma di Karin Bergöö

Karin Bergöö Larsson (Örebro, 3 ottobre 1859Södermanland -parrocchia di Fogdö Valnäs-, 18 febbraio 1928) è stata un'artista e designer svedese che collaborò con suo marito, Carl Larsson, oltre a essere spesso raffigurata nei suoi dipinti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Still Life with Fruit and Tankard, 1877 dipinto di Karin Bergöö

Karin Bergöö nacque a Örebro e crebbe a Hallsberg, dove suo padre, Adolf Bergöö, era un uomo d'affari di successo. La sorella minore, Stina, sposò il geologo inglese Francis Arthur Bather[1]. Karin mostrò presto il talento artistico e, dopo aver frequentato la Franska Skolan Ecole Francaise a Stoccolma, studiò presso la Slöjdskolan (scuola di artigianato, ora Konstfack) e dal 1877 al 1882 presso la Reale Accademia delle Belle Arti. Dopo aver completato i suoi studi lì, andò a Grez-sur-Loing, fuori Parigi, dove c'era una colonia di artisti scandinavi, per continuare a dipingere[2].

Vita con Carl Larsson[modifica | modifica wikitesto]

Karin canalizzava i propri impulsi artistici facendo progetti di casa sua

In Grez-sur-Loing incontrò Carl Larsson; si innamorarono e nel 1883 tornarono a Stoccolma e si sposarono, tornando insieme a Grez-sur-Loing, dove la loro prima figlia, Suzanne, nacque nel 1884. L'anno seguente, tornarono in Svezia.

Nel 1888 i Larsson andarono a Parigi, su suggerimento di Pontus Fürstenberg di Göteborg, che voleva un grande dipinto di Carl da aggiungere alla sua collezione d'arte. Lasciarono i loro due figli con i genitori di Karin a Hallsberg e al loro ritorno un anno dopo decorarono la nuova casa dei Bergöös. Poi si trasferirono a Lilla Hyttnäs, una stuga (cottage) a Sundborn, alla periferia di Falun, dove era nato suo padre. Lo ingrandirono per accogliere la loro famiglia in crescita e divenne nota come la fattoria di Larsson.

Sedia a dondolo disegnata da Karin Larsson

Karin fungeva da cassa di risonanza e critica per il lavoro di Carl, oltre ad essere la sua principale modella. Con i bambini e una grande casa da gestire, incanalò i propri impulsi artistici nel design. Progettava e tesseva una grande quantità di tessuti usati in casa, ricamava e disegnava abiti per sé e per i bambini e i mobili, poi realizzati da un falegname locale[3]. Ad esempio, i grembiuli indossati da lei e da altre donne che lavoravano a Sundborn, noto come karinförkläde in svedese, erano un suo disegno pratico. Lo stile in cui la casa fu decorata e arredata con i disegni di Karin, raffigurati nei dipinti di Carl, creò un nuovo stile riconoscibilmente svedese[2][4][5]: «In totale contrasto con lo stile predominante degli arredi pesanti scuri, i suoi interni luminosi incorporano un'innovativa miscela di folk svedese influenze di design e fin de siècle, tra cui idee di Japonisme e Arts and Crafts dalla Gran Bretagna»[6]. Nella "stanza svedese" con cui sostituì il piccolo salotto usato, rimosse le tende e sistemò i mobili lungo le pareti attorno a una pedana rialzata, creando una stanza all'interno di una stanza che era molto usata dalla famiglia, come mostrato nei dipinti di Carl, con un divano in un angolo per i sonnellini, mostrato in Lathörnet (Lazy Nook)[4]. Anche i suoi disegni e colori tessili erano nuovi: «Pre-moderni nel carattere introdussero un nuovo stile astratto nella tappezzeria. Le sue composizioni audaci venivano eseguite in colori vivaci, i suoi ricami usavano spesso piante stilizzate. Con lenzuola bianche e nere reinterpretò i motivi giapponesi.»[7].

È sepolta nel cimitero di Sundborn[8].

Nel 1997, il Victoria and Albert Museum di Londra mostrò il suo design di interni alla mostra di Carl Larsson[9].

Nel 2009 fu messa in evidenza con una mostra a Sundborn[10].

Nel 2018 la mostra Carl Larsson e la sua casa: Arte dello stile di vita svedese al Seiji Togo Memorial Sompo Japan, il Nipponkoa Museum of Art, mostrò tessuti prodotti da Karin e dipinti della loro casa, realizzati da Carl[11].

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Larsson è stata l'ispirazione per il romanzo di Katherine Ashenburg del 2018, Sofie & Cecilia, che è una rivisitazione romanzata della sua vita[12].

Dipinti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) Ulrik Jansson, Tre nyanser av kvinnokamp runt förra sekelskiftet, Kumla blogs, Sydnärkenytt, Kanal Regional, 16 febbruaio 2015.
  2. ^ a b "Karin Larsson – A Trendsetting Designer Long Before her Time" Archiviato il 19 marzo 2014 in Internet Archive., Carl Larsson Gården, Sundborn.
  3. ^ Paul Greenhalgh, Quotations and Sources on Design and the Decorative Arts, Manchester: Manchester University, 1993, p. 102, ISBN 978-0-7190-3964-5.
  4. ^ a b Marge Thorell, Karin Bergöö Larsson: Mother, muse and artist, in The Local, 9 dicembre 2008.
  5. ^ Ian Chilvers e John Glaves-Smith (a cura di), Larsson, Carl (1853–1919), in A Dictionary of Modern and Contemporary Art, 2ª ed., Oxford: Oxford University, 2009, ISBN 978-0-19-923966-5..
  6. ^ Tina Manoli e Nicola Costaras, Preparations for 'Carl and Karin Larsson: Creators of the Swedish Style', in Conservation Journal, Victoria and Albert Museum, 25 ottobre 1997.
  7. ^ Victoria and Albert Museum exhibition catalogue, quoted at Carl Larsson Gården.
  8. ^ Karin Larsson, su skbl.se. URL consultato l'11 giugno 2019.
  9. ^ (EN) Karin Larsson, su carllarsson.se. URL consultato l'11 giugno 2019.
  10. ^ (SV) Spektra, Karin Larsson hyllas med utställning, in Svenska Dagbladet, 30 dicembre 2008, ISSN 1101-2412 (WC · ACNP). URL consultato l'11 giugno 2019.
  11. ^ (EN) Yukari Tanaka, 'Carl Larsson and His Home: Art of the Swedish Lifestyle', in The Japan Times, 18 settembre 2018. URL consultato l'11 giugno 2019.
  12. ^ How a trip to Sweden inspired long-time nonfiction author Katherine Ashenburg to write her first novel (CBC books), su cbc.ca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Axel Frieberg, Karin. En bok om Carl Larssons hustru. Stockholm: Bonnier, 1967, OCLC 11865494.
  • Ingrid Andersson, Karin Larsson: Konstnär och konstnärshustru. Stockholm: Gidlunds, 1986, ISBN 9789178440696.
  • Michael Snodin ed Elisabet Stavenow-Hidemark, Carl and Karin Larsson: Creators of the Swedish Style (Exhibition catalogue). London: V & A, 1997, ISBN 9781851772018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32797076 · ISNI (EN0000 0001 2278 1176 · LCCN (ENn97052220 · GND (DE119000385 · BNF (FRcb13492391k (data) · ULAN (EN500255633 · WorldCat Identities (ENn97-052220