Kairat Achmetov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kairat Achmetov
Nazionalità Kazakistan Kazakistan
Altezza 163 cm
Peso 61 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Kickboxing, lotta libera, judo
Categoria Pesi mosca
Pesi gallo
Squadra Kazakistan Alash Pride
Carriera
Soprannome The Kazakh
Combatte da Kazakistan Almaty, Kazakistan
Vittorie 23
per knockout 5
per sottomissione 10
per decisione 8
Sconfitte 2
per decisione 2
 

Kairat Achmetov (in kazako: Кайрат Ахметов; Taldıqorğan, 12 ottobre 1987) è un artista marziale misto kazako.

Combatte nella divisione dei pesi mosca per l'organizzazione singaporeana ONE Championship, nella quale è stato campione di categoria dal 2015 al 2017. In passato ha militato anche nella promozioni Alash Pride, Bushido Lithuania e Iron Horde.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di ottime basi nella lotta greco-romana, Achmetov è un lottatore completo e abile in tutte le fasi del combattimento. Freddo e calcolatore, tra i suoi punti di forza spiccano inoltre la kickboxe, il judo e la potenza fisica – malgrado la statura ridotta –, che gli permettono di destreggiarsi efficacemente nel clinch e nel combattimento al suolo.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Achmetov compì il suo debutto nelle arti marziali miste il 1º maggio 2010 presso la federazione locale Iron Horde, sconfiggendo il russo Anatolij Achmetov per sottomissione al primo round.

ONE Championship[modifica | modifica wikitesto]

Messosi definitivamente in mostra dapprima in Kazakistan e poi in campo continentale, nell'ottobre 2015 annunciò la firma con la promozione singaporiana ONE Championship. Il suo debutto fu impressionante: volato a Pechino il 21 novembre seguente, bagnò l'esordio con la vittoria del titolo mondiale dei pesi mosca sconfiggendo ai punti il campione in carica Adriano Moraes.

L'anno seguente non fu positivo per il kazako, vittima di alcuni infortuni che lo costrinsero a rimandare la prima difesa del campionato al 2017. Tornato sul ring nel mese di agosto per difendersi dall'assalto dello stesso Moraes, il campione non riuscì ad esprimersi al meglio e subì la prima sconfitta da professionista dopo venti incontri disputati, oltre a perdere il titolo. Cinque settimane dopo ottenne una vittoria di stretta misura sul filippino Geje Eustaquio, prima di essere battuto dallo stesso in una rivincita avvenuta nel gennaio 2018.

Agli inizi del 2019 venne scelto come partecipante del Gran Premio ONE dei pesi mosca, torneo ad otto uomini che avrebbe consentito al vincitore di affrontare il campione di categoria. Il kazako aprì la competizione con una vittoria ai punti sull'australiano Reece McLaren, che gli consentì di avanzare alle semifinali del torneo.[1]

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 23-2 Australia Reece McLaren Decisione (unanime) ONE Championship 92: A New Era 31 marzo 2019 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Quarti di finale del Gran Premio ONE dei pesi mosca
Vittoria 22-2 Cina Ma Haobin Decisione (unanime) ONE Championship 80: Conquest of Heroes 22 settembre 2018 3 5:00 Indonesia Giacarta, Indonesia
Sconfitta 21-2 Filippine Geje Eustaquio Decisione (unanime) ONE Championship 67: Global Superheroes 26 gennaio 2018 5 5:00 Filippine Pasay, Filippine Per il titolo dei pesi mosca ONE ad interim
Vittoria 21-1 Filippine Geje Eustaquio Decisione (non unanime) ONE Championship 61: Total Victory 16 settembre 2017 3 5:00 Indonesia Giacarta, Indonesia
Sconfitta 20-1 Brasile Adriano Moraes Decisione (unanime) ONE Championship 58: Kings & Conquerors 5 agosto 2017 5 5:00 Macao Cotai, Macao Perde il titolo dei pesi mosca ONE
Vittoria 20-0 Brasile Adriano Moraes Decisione (non unanime) ONE Championship 34: Dynasty of Champions 4 21 novembre 2015 5 5:00 Cina Pechino, Cina Vince il titolo dei pesi mosca ONE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Morgan, ONE Championship 92 results, videos: Kingad, Akhmetov advance in flyweight grand prix, Yamaguchi gets tap, MMA JUnkie, 31 marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2019.