Josune Bereziartu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Josune Bereziartu
Josune Bereziartu 2012.jpg
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 174 cm
Peso 57 kg
Arrampicata Climbing pictogram.svg
Specialità Difficoltà
Termine carriera 2000
Palmarès
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Josune Bereziartu Urruzola (Lazkao, 19 gennaio 1972) è un'arrampicatrice spagnola. Pratica l'arrampicata in falesia, il bouldering, le vie lunghe e ha gareggiato nelle competizioni di difficoltà.

È soprattutto una fortissima scalatrice su roccia: è stata la prima donna ad aver salito un 8c, un 8c+, un 9a e un 9a+.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Incomincia ad arrampicare a diciassette anni dopo aver visto un documentario di donne che scalavano in Verdon. In pochi anni raggiunge il livello dell'8a con Iena a Oñate in Spagna. Nel 1997 scala il suo primo 8b+ e l'anno successivo l'8c.

È sposata con l'arrampicatore Rikar Otegui con cui ha realizzato gran parte delle sue salite.

Ha vinto il Salewa Rock Award nel 2006 come

«climber che più si è distinto in falesia su monotiro a spit sia per i risultati ottenuti sia per lo stile e per quanto ha influenzato il movimento dell'arrampicata sportiva nei due anni precedenti al Premio.»

[1]

Ha salito 76 vie tra l'8a e il 9a+ di cui 28 a vista.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del mondo[modifica | modifica wikitesto]

1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000
Lead 55 25 26 18 8 7 35
Boulder 14

Campionato del mondo[modifica | modifica wikitesto]

1995 1997 1999
Lead 24 15 8

Falesia[modifica | modifica wikitesto]

Lavorato[modifica | modifica wikitesto]

  • 9a+/5.15a:
    • Bimbaluna - Saint-Loup (SUI) - 1º maggio 2005 - Primo 9a+ femminile della storia[2]
  • 9a/5.14d:
    • Logical Progression - Jo Yama (JPN) - 22 novembre 2004[3]
    • Bain de Sang - Saint-Loup (SUI) - 29 ottobre 2002 - Primo 9a femminile della storia[4]
  • 8c+/5.14c:
    • Powerade - Vadiello (ESP) - 21 maggio 2007[5]
    • Na Nai - Baltzola (ESP) - 18 giugno 2003[6]
    • Noia - Andonno (ITA) - 18 ottobre 2001

A vista[modifica | modifica wikitesto]

  • 8b+/5.14a:
    • Hidrofobia - Montsant (ESP) - 18 aprile 2006[7]
  • 8b/5.13d:
    • Fuente de energia - Valdiello - 1º ottobre 2005
    • La Réserve - St Léger (FRA) - 1º ottobre 2005
    • Steroid Performa - Japan - 28 dicembre 2004

Boulder[modifica | modifica wikitesto]

  • 8B/V13:
    • E la Nave va - Lindental (SUI) - 10 maggio 2003 - Traverso[8]
    • Travesia De Balzola - Baltzola (ESP) - 6 aprile 2002 - Traverso[9]
  • 8A+/V12:
    • Solaris - Baltzola (ESP) - 15 aprile 2003[10]

Vie lunghe[modifica | modifica wikitesto]

  • El Castillo de los Sacristanes - Parco nazionale di Ordesa (ESP) - 2009 - Prima salita in libera con Rikar Otegui[11]
  • Zaratustra - Parco nazionale di Ordesa (ESP) - 2008 - Salita con Rikar Otegui[12]
  • El Ojo Critico - Parco nazionale di Ordesa (ESP) - 6 luglio 2007 - Prima salita in libera con Rikar Otegui[13]
  • Super Weissmuller - Petit Pic De Ansabere (FRA) - giugno 2007 - Prima salita in libera con Rikar Otegui[14]
  • Divina Comedia - Parco nazionale di Ordesa (ESP) - luglio 2006 - Prima salita in libera con Rikar Otegui[15]
  • Yeah man - Gran Pfad (SUI) - 1º luglio 2004 - Prima salita in libera con Rikar Otegui[16]
  • El Pilar del Cantabrico - Naranjo de Bulnes (ESP) - 2002 - Salita con Iker Pou[17]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arco Rock Legends: Josune Bereziartu e Angela Eiter al top, planetmountain.com, 1º settembre 2006. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  2. ^ Josune Bereziartu e Bimbaluna 9a/9a+, planetmountain.com, 25 maggio 2005. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  3. ^ Japan climbing tour di Bereziartu e Otegi, planetmountain.com, 22 dicembre 2004. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  4. ^ Josune Bereciartu e il primo 9a femminile, planetmountain.com, 13 novembre 2002. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  5. ^ Josune Bereziartu sale Powerade, 8c+ a Vadiello, planetmountain.com, 28 maggio 2007. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  6. ^ Na-Nai 8c+, per Josune Bereziartu, planetmountain.com, 3 luglio 2003. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  7. ^ Arrampicata: Josune Bereziartu prima donna sull'8b+ on-sight, planetmountain.com, 18 aprile 2006. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  8. ^ Bereciartu su "E la nave va", 8c traverse, planetmountain.com, 24 maggio 2003. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  9. ^ La Travesia De Balzola per Josune Bereziartu, planetmountain.com, 16 aprile 2002. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  10. ^ Solaris, 8a+ boulder per Bereciartu, planetmountain.com, 24 marzo 2003. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  11. ^ Josune Bereziartu e Rikar Otegui salgono El Castillo de los Sacristanes nel Parco Nazionale de Ordesa, planetmountain.com, 3 luglio 2009. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  12. ^ Arrampicata: Josune Bereziartu e Rikar Otegui salgono Zaratustra nel Parco Nazionale de Ordesa, planetmountain.com, 15 luglio 2008. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  13. ^ (EN) Nicholas Hobley, Pilar de Cotatuero, Ordesa: Bereziartu and Oteguia add 'El Ojo Critico' 8a, planetmountain.com, 11 luglio 2007. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  14. ^ Bereziartu e Otegui liberano Super Weissmuller 8a/8a+, Petit Pic De Ansabere, planetmountain.com, 28 giugno 2007. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  15. ^ Bereziartu e Otegui liberano Divina Comedia, planetmountain.com, 10 luglio 2006. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  16. ^ Yeah man: prima libera per Josune Bereziartu e Rikar Otegi, planetmountain.com, 11 agosto 2004. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  17. ^ Bereziartu e Pou salgono "El Pilar del Cantabrico", planetmountain.com, 16 luglio 2002. URL consultato il 13 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Caccia, Matteo Foglino, Josune Bereciartu, in Uomini & pareti 2 - Incontri ravvicinati con i protagonisti del verticale, Versante Sud, 2009, pp. 40-53, ISBN 978-88-87890-74-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN303548106 · ISNI (EN0000 0004 0962 9323 · WorldCat Identities (ENviaf-303548106