Joseph Szigeti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joseph Szigeti

Joseph Szigeti, ungherese: Szigeti József, [ˈjoːʒɛf ˈsiɡɛti], (Budapest, 5 settembre 1892Lucerna, 19 febbraio 1973), è stato un violinista ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia di musicisti, trascorse i primi anni di vita in una piccola città della Transilvania. Diede presto prova di essere un bambino prodigio al violino, e si trasferì a Budapest con il padre per studiare col rinomato Maestro Jenő Hubay. Dopo aver completato i suoi studi con Hubay in giovane età iniziò la sua carriera concertistica internazionale. Le sue esibizioni all'inizio erano soprattutto di musica da salotto e più raramente brani virtuosistici, tuttavia dopo aver conosciuto il pianista Ferruccio Busoni ha iniziato a sviluppare un approccio molto più riflessivo e intellettuale alla musica che alla fine gli è valso il soprannome di "dotto virtuoso".

In seguito a un attacco di tubercolosi che lo costrinse a un periodo in un sanatorio in Svizzera, Szigeti si stabilì a Ginevra dove divenne Maestro di violino al conservatorio locale nel 1917. Fu a Ginevra che incontrò la sua futura moglie, Wanda Ostrowska, e approssimativamente nello stesso periodo divenne amico del compositore Béla Bartók. Entrambe le relazioni durarono tutta la vita.

Dal 1920 al 1960, si esibì in tutto il mondo e registrò ampiamente. Si distinse anche come un forte sostenitore della nuova musica, ed era il dedicatario di numerose nuove opere di compositori contemporanei. Tra i pezzi più importanti scritti per lui vi sono il Concerto per violino di Ernest Bloch, la Rapsodia N. 1 di Bartók, il Concerto in la minore op. 48 di Alfredo Casella, la Sonata op. 27 n. 1 di Eugène Ysaÿe e il Concerto per violino di Frank Martin[1]. Dopo il ritiro dal palcoscenico nel 1960, ha lavorato come insegnante e scrittore fino alla sua morte nel 1973, all'età di 80 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boris Schwarz, Joseph Szigeti, in Great Masters of the Violin: From Corelli and Vivaldi to Stern, Zukerman and Perlman, London, Robert Hale, 1983, p. 387

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • With Strings Attached, Reminiscences and Reflections, London, Cassel & Co., 1949; rist. New York, Alfred. A. Knopf, 1967
  • A Violinist’s Notebook, 200 music examples with notes for practice and performance, London, Gerald Duckworth & Co., 1964; tr. it. Appunti di un violinista, 200 esempi musicali con indicazioni pratiche per l’esecuzione, con traduzione in francese, edizione italiana a cura di Alberto Curci, Milano, Curci, 1973
  • Beethovens Violinwerke. Hinweise für Interpreten und Hörer, Zürich-Freiburg, Atlantis Verlag, 1965; tr. it., di A. Curci, Le opere per violino di Beethoven. Indicazioni per interpreti e auditori, Milano, Curci, stampa 1969
  • Szigeti on the Violin, Cassel & Co, London New York 1969; rist. New York: Dover, 1979

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boris Schwarz, Joseph Szigeti, in Great Masters of the Violin: From Corelli and Vivaldi to Stern, Zukerman and Perlman, London, Robert Hale, 1983, pp. 386-392
  • -, voce Szigeti Joseph, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti (diretto da Alberto Basso), Utet, Torino, Le Biografie, Vol. VII, 1988, pp. 604-605
  • Henry Roth, Joseph Szigeti, in Violin Virtuosos, From Paganini to the 21st Century, Los Angeles, California Classics Books, 1997, pp. 92-101
  • Jean-Michel Molkhou, Joseph Szigeti, in Les grands violonistes du XXe siècle. Tome 1- De Kreisler à Kremer, 1875-1947, Paris, Buchet Chastel, 2011, pp. 83-89

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12394241 · ISNI (EN0000 0001 0870 6348 · LCCN (ENn84046797 · GND (DE118758187 · BNF (FRcb12405833h (data) · NLA (EN35537309