John Dominic Crossan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Dominic Crossan

John Dominic Crossan (Nenagh, 1934) è uno studioso di religione irlandese-statunitense, famoso per aver co-fondato il Jesus Seminar.

Crossan è una figura di rilievo nei campi dell'archeologia biblica, dell'antropologia e della critica testuale e di quella storica nell'ambito del Nuovo Testamento; è particolarmente attivo nel campo del Gesù storico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Crossan entrò nel 1950 nell'Ordine dei Serviti e nel maggio 1957 fu ordinato sacerdote. Ricevette il Doctorate of Divinity dal Maynooth College (Irlanda) nel 1959 e condusse i suoi studi post-dottorato di ricerca al Pontificio Istituto Biblico di Roma dal 1959 al 1961 e all'École Biblique di Gerusalemme dal 1965 al 1967. Nel 1969 abbandonò il sacerdozio per sposare Margaret Dagenais e per poter proseguire i propri studi critici senza «essere costantemente nei guai per farlo»;[1] malgrado fosse un ex-sacerdote, trovò un posto come insegnante alla DePaul University. Dopo la morte della moglie nel 1983 si risposò nel 1986 con Sarah Sexton.

Tra le sue opere principali sono da ricordare Four Other Gospels. Shadows on the Contours of Canon (1985), il cui ultimo capitolo è stato sviluppato in The Cross that Spoke: The Origins of the Passion and Resurrection Narratives (1988), The Historical Jesus: The Life of a Mediterranean Jewish Peasant (1991), libro religioso più venduto nel giugno 1992 e tradotto in diverse lingue, di cui Jesus: A Revolutionary Biography (1994) è la versione riorganizzata e destinata al grande pubblico. I suoi studi successivi riguardano il periodo precedente la morte di Gesù (The Last Week: A Day-by-Day Account of Jesus's Final Week in Jerusalem, 2006) e quello immediatamente successivo (In Search of Paul: How Jesus's Apostle Opposed Rome's Empire with God's Kingdom, 2004; The Birth of Christianity: Discovering What Happened in the Years Immediately After the Execution of Jesus, 1998).

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Autobiografia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17265288