Johannes Itten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Johannes Itten durante una lezione

Johannes Itten (Süderen-Linden, 11 novembre 1888Zurigo, 25 marzo 1967) è stato un pittore, designer e scrittore svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Farbkreis di Johannes Itten (1961)
Approssimazione RGB "Sfera dei colori" secondo Johannes Itten: Arte del colore.

Itten dopo il liceo, dal 1904 al 1908 studiò per diventare maestro elementare.

Nel 1913, dopo aver insegnato alcuni anni, si iscrisse all'Accademia di belle arti di Stoccarda dove fu allievo di Adolf Hölzel.

Nel 1919 Walter Gropius lo chiamò ad insegnare al Bauhaus, su proposta di sua moglie Alma Mahler e di Loos. Itten predicava una filosofia orientale che prevedeva due giorni di digiuno a settimana, una dieta vegetariana, esercizi di respirazione e un sincretismo religioso. Aveva introdotto un "corso preliminare" dove gli allievi dovevano dimenticare tutto quello che sapevano, liberarsi dai pregiudizi e dalle tradizioni accademiche, un lavoro di introspezione preliminare a qualsiasi apprendimento.

Nel 1923 Gropius che sembra inizialmente simpatizzasse per le sue teorie, lo caccia dal Bauhaus per divergenze didattiche. Dopo il Bauhaus Itten si trasferì in Svizzera aprendo una scuola frequentata per anni anche da allievi del Bauhaus.

Tra i suoi dipinti, i più rappresentativi sono considerati Risonanza verde-azzurro (1916), Ritratto di un bambino (1922) e Luce ampia (1963).

Uno dei suoi allievi più celebri fu Hans George Helm.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Analysen alter Meister, in Utopia. Dokumente der Wirklichkeit, a cura di Bruno Maria Adler, Weimar, Utopia Verlag, 1921.
  • Kunst der Farbe, Ravensburg, Otto Maier Verlag, 1961.
  • Mein Vorkurs am Bauhaus, Gestaltungs- und Formenlehre, Ravensburg, Otto Maier Verlag, 1963.
  • Elemente der Bildenden Kunst. Studienausgabe des Tagebuchs, E. A. Seemann Verlag Kunst und Gestaltung. ISBN 3-363-00777-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johannes Itten, Arte del colore. Esperienza soggettiva e conoscenza oggettiva come vie per l'arte, Milano, Il Saggiatore, 1965 (edizioni successive).
  • Marco De Michelis, Agnes Kohlmeyer, Bauhaus, Dossier Art, n. 119, gennaio 1997, pp. 10–11, 14-20, 47. ISBN 88-09-76226-6.
  • Tomás Maldonado, Disegno industriale: un riesame, Milano, Feltrinelli, 2005 (I ed. ivi 1976), pp. 45–46, 51-54, 56-57, 63. ISBN 88-07-10142-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71392512 · ISNI (EN0000 0001 0913 4724 · Europeana agent/base/64366 · LCCN (ENn50037690 · GND (DE118710990 · BNF (FRcb119083238 (data) · BNE (ESXX1322380 (data) · ULAN (EN500029154 · NLA (EN35238037 · BAV ADV10235189 · NDL (ENJA00444334 · WorldCat Identities (ENlccn-n50037690