Johann Nikolaus Hert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Johann Nikolaus Hert, noto anche con lo pseudonimo di Hertius (Niederkleen, 6 ottobre 1651Gießen, 19 settembre 1710), è stato un giurista tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un parroco, ricevette una prima istruzione dal padre, e in seguito da un istitutore privato. Nel 1664 frequentò il liceo di Gießen, e dopo essersi iscritto all'Università di Gießen nel 1667, si trasferì all'Università di Jena, poi all'Università di Lipsia e infineall'Università di Wittenberg. Nel 1676 tornò a Gießen, dove ottenne il titolo di giurista, entrò nell'avvocatura della cancelleria del principe e cominciò a tenere lezioni all'università.[1]

Nel 1683 venne nominato professore ordinario di scienze politiche e professore associato di diritto. Dopo aver conseguito il dottorato in giurisprudenza nel 1686, divenne professore ordinario presso la facoltà di giurisprudenza e fu promosso alla massima cattedra nel 1702. Fu consigliere presso il tribunale dell'Assia, e membro del Consiglio nel 1707. Fu ispettore delle finanze accademiche e dal 26 febbraio 1710 cancelliere dell'Università di Gießen.

Come giurista, cercò di contribuire al suo campo con elementi filosofici e storici. Molti dei suoi scritti contengono chiarimenti relativi alla storia tedesca, dall'antichità alle leggi dello Stato feudale. Dedicò inoltre degli approfondimenti alla legge civile e naturale.

Il fratello di Herbert, Johann Christoph Hert, fu professore di medicina all'Università di Gießen.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Commentationes atque opuscula de selectis et rarioribus ex iurisprudentia universali, 1737

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jakob Franck, Hert, Johann Nikolaus, in Allgemeine Deutsche Biographie, vol. 12, Lipsia, Duncker & Humblot, 1880, p. 239–241.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22493085 · ISNI (EN0000 0001 2277 4267 · LCCN (ENn94032089 · GND (DE100868878 · BAV (EN495/89187 · CERL cnp00161107 · WorldCat Identities (ENlccn-n94032089