Johann Zoffany

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Johan Joseph Zoffany)
Johann Zoffany, Autoritratto (1761); olio su tela, 52,7×41,3 cm, National Portrait Gallery, Londra

Johann Zoffany (Francoforte sul Meno, 13 marzo 1733Strand-on-the-Green, 11 novembre 1810) è stato un pittore tedesco, attivo principalmente in Inghilterra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Johan Zoffany nacque il 13 marzo 1733 a Francoforte sul Meno in una famiglia di origini boeme. Dopo essersi formato inizialmente come sculture in una bottega di Ellwangen (forse quella di Melchior Paulus), si accostò agli studi artistici a Regensburg, dove venne introdotto all'esercizio della pittura da Martin Speer. Nel 1750 si recò a Roma, dove studiò con Agostino Masucci. Nel 1760 si trasferì in Inghilterra, dove sarebbe rimasto per il resto della sua vita: dopo un iniziale periodo durante il quale lavorò per conto dell'orologiaio Stephen Rimbault, Zoffany si attrasse la benevolenza della famiglia reale, della quale godette la protezione.

Cofondatore della Royal Academy nel 1768, Zoffany iniziò gradualmente a godere di una grande popolarità, soprattutto da quando si accostò alla pittura di soggetto teatrale: furono molti gli attori che si fecero ritrarre dal suo pennello, il più significativo dei quali era certamente David Garrick, una delle figure più influenti del mondo teatrale inglese settecentesco. A consolidare la popolarità di Zoffany fu anche la sua maestria in quelli che erano definiti theatrical conversation pieces: si trattava di un sottogenere dei «quadri di conversazione», opere pittoriche dove erano raffigurati gruppi di persone in atteggiamenti familiari o in conversazione.[1]

Nella tarda maturità artistica, Zoffany si dedicò specialmente ad eseguire enormi dipinti dove erano raffigurati grandi gruppi di persone collocati in stanze gremite di dipinti noti al suo pubblico contemporaneo. I dipinti più significativi in tal senso sono La bibilioteca di Charles Townley al n. 7 di Park Street a Westminster, in cui è raffigurato l'intero materiale statuario che Charles Townley aveva raccolto nella sua biblioteca, e La tribuna degli Uffizi, dove è ritratta una sala della galleria degli Uffizi colma di dipinti rinascimentali, quali la Madonna del Cardellino di Raffaello e la Venere di Urbino di Tiziano.

Zoffany, come già accennato, sarebbe rimasto in Inghilterra per il resto della sua vita: ciò malgrado, effettuò comunque viaggi in Europa (1776-79; fu a Vienna e a Firenze, e in quest'ultima città dipinse i ritratti della famiglia dei granduchi toscani)[2] e soggiornò dal 1783 al 1789 in India, dove eseguì dipinti di principi indiani e di scene di caccia.[3] Morì infine l'11 novembre 1810 a Strand-on-the-Green, in Inghilterra: le sue spoglie oggi riposano nella St Anne's Church di Kew.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lilla Maria Crisafulli, Cecilia Pietropoli, The Languages of Performance in British Romanticism, Peter Lang, 2008, p. 287, ISBN 3039110977.
  2. ^ Fritz Baumgart, ZOFFANY, Johann, Enciclopedia Italiana, 1937.
  3. ^ Zoffany, Johann, in Enciclopedie on line, Treccani. URL consultato il 30 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN12574563 · LCCN: (ENnr92043188 · ISNI: (EN0000 0000 8357 7200 · GND: (DE119107996 · BNF: (FRcb12330345c (data) · ULAN: (EN500013090 · NLA: (EN35796859