Jean Chalgrin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean Chalgrin, Projet pour l'Arc de triomphe de l'Etoile (1806 circa)
Chiesa di Saint-Philippe-du-Roule, Parigi

Jean-François-Thérèse Chalgrin (Parigi, 1739Parigi, 21 gennaio 1811) è stato un architetto francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parigi nel 1739, Chalgrin fu allievo di Giovanni Niccolò Servandoni e di Étienne-Louis Boullée, dai quali derivò un robusto orientamento neoclassico. Dopo aver vinto l'ambitissimo Prix de Rome, divenne pensionnaire dell'Accademia di Francia a Roma, città dove si recò nel novembre 1759. All'epoca l'Urbe, fonte inesauribile di cultura e di ispirazione classica, era la sede privilegiata del movimento neoclassico ed era animata dalle stampe di Giovan Battista Piranesi e dagli scritti di Johann Joachim Winckelmann, che certamente lasciarono un'impronta profonda nella fantasia di Chalgrin.[1][2][3][4]

Rientrato in Francia, cominciò la sua attività ispirandosi al Neoclassicismo di Jacques-Germain Soufflot. A Parigi Chalgrin supervisionò per un breve periodo la costruzione di diversi edifici, fra i quali merita una menzione speciale l'Hôtel Saint-Florentin di Ange-Jacques Gabriel, per il quale disegnò l'accesso per il cour d'honneur in uno stile squisitamente neoclassico. La prima opera significativa dello Chalgrin, tuttavia, è la chiesa di Saint-Philippe-du-Roule, realizzata a Parigi tra il 1774 e il 1784, il cui progetto risaliva ad alcuni anni prima: l'edificio, a pianta basilicale, presenta una navata coperta da una volta a botte decorata a cassettoni e sorretta da una teoria di colonne ioniche.[1][2][3][4] Questo schema esercitò una certa influenza nell'architettura dell'epoca.

Altre realizzazioni significative di Chalgrin sono il palazzo Lavrillière (1765-67, oggi Rothschild), il vestibolo e lo scalone d'onore del palazzo del Lussemburgo e la torre settentrionale della chiesa di Saint Sulpice. A partire dal 1806 si occupò dell'Arco di Trionfo di Parigi, simbolo della grandezza dell'Impero di Napoleone Bonaparte. Lo Chalgrin ne gettò le fondamenta, e l'opera sarebbe poi stata completata dopo la sua morte (avvenuta a Parigi il 21 gennaio 1811) nel 1836, sotto Luigi Filippo, da Jean-Nicolas Huyot. Nel 1807 ricostruì il Teatro dell'Odeon, secondo i disegni originari di Marie-Joseph Peyre e Charles De Wailly.

Opere maggiori[modifica | modifica wikitesto]

  • 1767–1769: Hôtel Saint-Florentin (poi Hôtel de Langeac, Hôtel Talleyrand-Périgord), per il conte di Saint-Florentin; demolito nel 1842;
  • 1767–1770: Hôtel de Mademoiselle de Luzy (Parigi, rue Férou);
  • 1774–1780: Interventi vari al Collège de France (Parigi, rue des Écoles);
  • 1777–1780: Restauro della facciata e costruzione della torre settentrionale alla chiesa di Saint Sulpice (Parigi);
  • ????–1778: Chapelle du Saint-Esprit (Parigi, rue Lhomond);
  • 1780: Ancienne Laiterie de Madame Versailles, 2 rue Vauban.
  • ????–1780: Padiglione musicale per la contessa di Provenza (Versailles, 111 avenue de Paris);
  • 1774–1784: chiesa di St. Philippe-du-Roule (Parigi);
  • 1799–1805: interventi vari al palazzo del Lussemburgo, con vestibolo e scalone d'onore;
  • 1806–1811; completato dopo la morte di Chalgrin, nel 1836: Arc de Triomphe, Place de l'Étoile (Parigi).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001.
  • N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44396537 · ISNI: (EN0000 0000 6649 2360 · LCCN: (ENnr90013212 · GND: (DE122452267 · BNF: (FRcb124628153 (data) · ULAN: (EN500031463 · CERL: cnp00454761