Jean-Philippe Loys de Chéseaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Philippe Loys de Cheseaux

Jean-Philippe Loys de Cheseaux (Losanna, 4 maggio 1718Parigi, 30 novembre 1751) è stato un astronomo svizzero.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1746 presentò una lista di nebulose, otto delle quali furono scoperte da lui, alla Accademia francese delle scienze. Guillaume Le Gentil studiò la lista privatamente nel 1759, ma fu presentata al pubblico solo nel 1892 da Guillaume Bigourdan. Cheseaux fu tra i primi ad enunciare, nella sua forma moderna, quello che successivamente sarà conosciuto come il Paradosso di Olbers (come è possibile che il cielo notturno sia buio nonostante l'infinità di stelle presenti nell'universo?).

Frontespizio di Remarques astronomiques sur le livre de Daniel

Cheseaux fece anche alcune ricerche di cronologia biblica, tentando di datare la crocifissione di Gesù e analizzando le osservazioni astronomiche nel Libro di Daniele. Questo lavoro fu pubblicato postumo in Mémoires posthumes de M. de Cheseaux (1754).

Era fratello di Charles-Louis Loys de Cheseaux.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b DSS.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154510 · ISNI (EN0000 0000 8079 4138 · CERL cnp00590422 · LCCN (ENn88638185 · GND (DE117683353 · BNF (FRcb133196302 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88638185