Jean-Baptiste Oudry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jean-Baptiste Oudry (Parigi, 1686Beauvais, 1755) è stato un pittore, incisore, disegnatore di porcellane e di cartoni d'arazzo francese.

Jean-Baptiste Perronneau, Ritratto di Jean-Baptiste Oudry

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jean-Baptiste Oudry è stato allievo, dal 1713 al 1717, del ritrattista Nicolas de Largillière che si era formato ad Anversa. È noto per la copiosa produzione di opere decorative: nature morte, cacce, animali. Dichiarato dal 1722 pittore ufficiale delle "caccie reali" di Luigi XV a partire dal 1726 fu, prima disegnatore e poi direttore della Manifattura di Beauvais e dal 1730 e dal 1734 fu direttore della Manifattura dei Gobelins. Disegnò i cartoni per cicli completi di arazzi, tra cui Trattenimenti campestri, 1730; Metamorfosi, 1734; Cacce di Luigi XV, 1734-1746. Alla naturalezza del tocco univa un prezioso senso del colore e la ricerca accurata del dettaglio. Gli arazzi realizzati su suo cartone sono oggi, in parte a castello di Fontainebleau e in parte in quello di Compiègne. Come disegnatore ha lavorato anche alla La manifattura della Porcellana di Vincennes, chiamato dal direttore artistico, il pittore Jean-Jacques Bachelier, un suo allievo.

Jean Baptiste Oudry, Autoritratto

Negli anni quaranta, Jean-Baptiste Oudry frequentava i giardini della proprietà di Enrico II di Guisa, ad Arcueil, portando con sé giovani artisti, tra cui Boucher. Un gran numero di sue incisioni entrarono nella famosa collezione del marchese Jacques-Louis de Beringhen (1651-1723), primo scudiero del re, la cui raccolta è oggi conservata a Parigi, alla Biblioteca nazionale di Francia.

Fra i suoi disegni più celebrati, il Rinoceronte Clara (1749). Il dipinto Natura morta con scimmia, 1719, è al Museo nazionale di Stoccolma, mentre il dipinto Anatra bianca sembra perduto.

Suo figlio Jacques-Charles Oudry (Parigi 1720-Losanna 1778) è stato pittore di nature morte (Natura morta e selvaggina, 1762, Louvre).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Hal Opperman, .J.-B. Oudry, 1686-1755: Galeries nationales du Grand Palais, Paris, 1er octobre 1982-3 janvier 1983, Paris, Ministere de la culture; Editions de la Reunion des musees nationaux, 1982, SBN IT\ICCU\LO1\0775269.
  • (EN) Hal Opperman, J.-B. Oudry: 1686-1755, Seattle-London, Fort Worth Kimbell Art Museum-University of Washington press, 1983, SBN IT\ICCU\UFI\0225814.
  • (FR) Jean La Fontaine, Fables / mise en vers Jean de La Fontaine; estampes Jean-Baptiste Oudry, Paris, D. de Selliers, 1993, SBN IT\ICCU\BVE\0074792.
  • (FR) Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays, Paris, Gründ, 1999, SBN IT\ICCU\VEA\0108356. Nuova edizione, interamente rifatta sotto la direzione Jacques Busse.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12336049 · ISNI (EN0000 0001 2276 4528 · LCCN (ENn83010715 · GND (DE118738887 · BNF (FRcb14065537w (data) · ULAN (EN500021906 · NLA (EN35403374 · CERL cnp00399261