Jean-Baptiste Lafond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Baptiste Lafond
Dati biografici
Paese Francia Francia
Altezza 180 cm
Peso 82 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Utility back
Ritirato 1997
Carriera
Attività giovanile
1972-80 Racing Club
Attività di club¹
1980-92 Racing Club
1992-93 Bègles
1995-96 Stade français
1996-97 Narbona
Attività da giocatore internazionale
1983-93 Francia Francia 36 (101)
Palmarès internazionale
Finalista RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1987

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 15 dicembre 2011

Jean-Baptiste Lafond (Bègles, 29 dicembre 1961) è un ex rugbista a 15 e dirigente sportivo francese, che legò gran parte della sua carriera agonistica come tre quarti ala (talora estremo) al Racing club di Parigi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre al Racing Club di Parigi, verso la fine degli anni ottanta formò con Rousset, Blanc, Guillard e Mesnel una linea di tre quarti definita Les Showbizz per la loro spettacolarità di gioco[1]. Il culmine della carriera fu nel 1990 con la conquista del campionato francese ottenuta battendo in finale l’Agen per 22-12.

Esordì in Nazionale nel novembre 1983 in un test match contro l’Australia, e prese parte al suo primo Cinque Nazioni nel 1986: fu, quello, il primo di otto tornei consecutivi, con cinque vittorie (quattro delle quali consecutive): due ex aequo rispettivamente con Scozia e Galles, due vittorie in solitaria e un Grande Slam (1987). Prese anche parte alla Coppa del Mondo di rugby 1991, scendendo in campo in quattro incontri e realizzando una meta.

Dopo il ritiro, tra le altre attività, ha ricoperto quella di vicepresidente del Racing Club de France, la polisportiva nella cui sezione rugbistica militò da giocatore.

Lafond vanta diversi inviti nella prestigiosa selezione britannica dei Barbarians, il più recente dei quali in occasione dell’incontro del 12 aprile 1993 contro lo Swansea, in cui segnò tre mete e ne trasformò una[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ready for some Parisien panache? in Irish Examiner, 8 ottobre 2010. URL consultato il 15-12-2011.
  2. ^ (EN) Steve Bale, Rugby Union: Lafond takes lead role in the sideshow: Barbarians victorious amid debate over tradition in The Independent, 13 aprile 1993. URL consultato il 27-3-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]