Jacques Delille

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacques Delille

Jacques Delille noto come abbé Delille (Clermont-Ferrand, 22 giugno 1738Parigi, 2 maggio 1813) è stato un poeta e traduttore francese, considerato il più importante poeta francese, assieme a Voltaire, del XVIII secolo[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Delille studiò dapprima presso il parigino Collège de Lisieux, poi in quello di Beauvais e infine al Collège de la Marche di Parigi.[2]

Intraprese in seguito la carriera di insegnante di humanae litterae ad Amiens ed a Parigi, e divenne improvvisamente celebre per la sua traduzione, nel 1769, delle Georgiche di Virgilio, realizzata nonostante il parere contrario di Louis Racine.[1]

Questa opera indicò il proliferare di una "agromania" sempre più crescente, e manifestò la via da seguire per intraprendere un ritorno verso la via della natura. Ricevette molti consensi e lodi anche da personaggi autorevoli, quali Federico il Grande e Voltaire, che ottenne per il suo collega Delille la nomina all'Accademia francese.[1] Infine il governò gli offrì il ruolo di professore di poesia latina presso il Collegio di Francia.[3]

L'abbé Delille recita La Conversation nel salone di Madame Geoffrin

La fama di Delille aumentò vertiginosamente dopo la morte di Voltaire e in quegli stessi anni Delille ricevette la personale protezione da parte di Madame Geoffrin, di Maria Antonietta e di Carlo X di Francia.

Nel 1782, la pubblicazione del poema didattico-descrittivo Les Jardins, nel quale l'autore evidenziò i primi segnali di una sensibilità preromantica, fu un vero e proprio trionfo, che però fu di effimera durata, a causa della Rivoluzione francese, durante la quale Delille non solo fu messo in ombra, ma rischiò anche la vita, che gli fu salvata grazie all'amicizia del procuratore della Comune, Chaumette.[1][3]

Dal 1794 Delille preferì scegliere l'esilio, dapprima in Svizzera, poi in Germania e infine in Inghilterra, dove incominciò la traduzione dell'Eneide di Virgilio (1804) e la composizione di un poema sulla natura intitolato L'Homme des champs, bissato da Les Trois règnes de la nature (1804), dove cercò di esprimere attraverso un linguaggio poetico verità filosofiche e metafisiche.[2]

Dopo aver terminato la traduzione del Paradiso perduto di John Milton, si attirò le ire e le critiche dei rivoluzionari con il libretto La Pitié, di impronta legittimista.[1]

Richiamato in patria da Napoleone, intorno al 1802, riprese tutti i suoi privilegi ed i suoi incarichi e ripropose una versione aggiornata de L'Homme des champs, nel quale propose il binomio felicità e vita di campagna.[3]

Concluse la sua carriera letteraria con un'opera deludente rispetto alle precedenti, la Conversation, poemetto in tre atti (1812).[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Jacques Delille
  • Essai sur l'homme de Pope, 1765
  • Les Géorgiques de Virgile, 1770
  • Les jardins ou l'art d'embellir les paysages
  • Bagatelles jetées au vent, 1799
  • L'homme des champs, ou les Géorgiques françaises, 1800
  • Dithyrambe sur l'immortalité de l'âme, 1802
  • Poésies fugitives, 1802
  • La Pitié, 1803
  • L'Énéide de Virgile traduite, 4 tomi, Paris, Giguet et Michaud, 1804
  • Le paradis perdu de Milton, 1805
  • L'imagination, 1806
  • Les Bucoliques de Virgile, 1806
  • Les Trois règnes de la nature, 1809
  • La conversation, 1812

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e le muse, IV, Novara, De Agostini, 1964, p. 132.
  2. ^ a b c (EN) Jacques Delille, su catholic.org. URL consultato il 16 luglio 2018.
  3. ^ a b c Jacques Delille, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 16 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Guitton, Edouard. Jacques Delille (1738-1813) et le poème de la nature en France de 1750 a 1820, Parigi, Klincksieck (Publications de l'Université de Haute-Bretagne), 1974.
  • (FR) Clermont-Ferrand, G. de Bussac, Delille est-il mort ?, Écrivains d'Auvergne, 1967.
  • (FR) Édouard Guitton, Jacques Delille (1738-1813) et le poème de la nature en France de 1750 à 1820, Parigi, Klincksieck, 1974.
  • (RU) Z. A. Vengerova, Delil, Jacques, in Dizionario enciclopedico di Brockhaus e Efron, San Pietroburgo, 1907.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59081234 · ISNI (EN0000 0001 2280 5414 · LCCN (ENn81132155 · GND (DE118679325 · BNF (FRcb11899354g (data) · BNE (ESXX1248316 (data) · NLA (EN36061863 · BAV ADV11881504 · CERL cnp01270967 · WorldCat Identities (ENn81-132155