Jógvan á Lakjuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Jógvan á Lakjuni

Presidente del Løgting
(Løgtingsformenn í Føroyum)
In carica
Inizio mandato2019
PredecessorePáll á Reynatúgvu

Durata mandato2011 –
2015
PredecessoreHergeir Nielsen
SuccessorePáll á Reynatúgvu

Dati generali
Partito politicoPartito Popolare Faroese

Jógvan á Lakjuni (Fuglafjørður, 13 novembre 1952) è un compositore, insegnante e politico faroese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea conseguita all'Università delle Isole Fær Øer ha insegnato in una scuola di Føroya Handilsskúli a Kambsdalur.

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

È musicista attivo sin da quando era giovane. Suona il pianoforte e negli anni '80 ha fatto parte del coro Bros. Ha composto canti religiosi e tradizionali faroesi, molti dei quali basati su testi del poeta Hans Andrias Djurhuus, e una nuova melodia per il salmo locale Gakk tú tryggur.[1] Insieme a suo figlio Bárður á Lakjuni, ha pubblicato un album nel 2012, Gakk tú tryggur, contenente in tutto 12 canzoni: sette di esse portano la sua firma.[2]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Membro del Partito Popolare Faroense, Jógvan á Lakjuni è stato eletto al Løgting, il parlamento faroese, nel 1998. È stato ministro della cultura nel primo gabinetto di Jóannes Eidesgaard. È stato presidente del West Nordic Council dal 2002 al 2003. È diventato presidente e portavoce del parlamento faroese nel 2011, venendo poi rieletto nel 2015.[3]

Ha svolto i seguenti incarichi:

  • 1998–2000 membro della Commissione Cultura
  • 1998–2002 membro del Næringskomiteen
  • 2000–2002 presidente della Commissione Cultura
  • 2002–2004 membro della Commissione Affari Esteri
  • 2008–2012 vicepresidente della Commissione Cultura

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha cinque figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jógvan á Lakjuni og onnur: Gakk tú tryggur, su fuglafjordur.com.
  2. ^ Jógvan á Lakjuni, su rateyourmusic.com.
  3. ^ Jógvan á Lakjuni, su logting.elektron.fo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN473163707032829422368 · WorldCat Identities (ENviaf-473163707032829422368