János Apáczai Csere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

János Apáczai Csere (10 giugno 162531 gennaio 1659) è stato un matematico ungherese, autore dell'Enciclopedia Ungherese, considerata il primo testo scritto in lingua ungherese[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Apáczai a Cluj-Napoca

Nacque a Apața, in Transilvania (nell'odierno Distretto di Brașov, in Romania), da cui "Apáczai"[1], da una famiglia che apparteneva alla piccola nobiltà.[1]. Rimasto orfano in tenera età[2], completati gli studi a Gyulafehérvár (l'odierna Alba Iulia), uno dei suoi docenti, Johann Heinrich Bisterfeld, convinse il vescovo locale, István Katona, a permettergli di proseguire gli studi nei Paesi Bassi.[2] Si trasferì pertanto all'Università di Franeker e in seguito all'Università di Leida e quindi a quella di Utrecht;[1] Nel 1651 ottenne la laurea in teologia all'Università di Harderwijk.[2] Nello stesso anno sposò una donna olandese, Aletta van der Maet, e nel 1652 fece ritorno a Gyulafehérvár su richiesta del principe Giorgio II Rákóczi,[1][2] per insegnare nella scuola di cui, all'epoca, Bisterfeld era ancora preside. Alla morte del suo protettore, nel 1655, Apáczai perse il posto[2] e l'anno seguente fu trasferito nell'odierna Cluj-Napoca[1] dove morì nel 1659, all'età di 34 anni.[1]

L'Enciclopedia Ungherese[modifica | modifica wikitesto]

Apáczai scrisse la sua enciclopedia durante il soggiorno a Utrecht,[2], dove venne pubblicata nel 1655 (il frontespizio reca stampato l'anno 1653), dopo il suo ritorno in Transilvania.[1] La prima parte dell'enciclopedia consisteva in una traduzione delle opere di Cartesio, la seconda e la terza parte erano dedicate alla logica secondo la trattazione di Pietro Ramo e del suo allievo Amesio. La quarta parte riguardava l'aritmetica, la quinta la geometria, ancora basandosi sugli studi di Ramo. La sesta parte era dedicata all'astronomia e dava spazio alle allora controverse teorie eliocentriche. Le rimanenti parti dell'enciclopedia trattavano di storia naturale, tecnologia, storia, sociologia e teologia. Il lavoro di Apáczai cadde in disgrazia fra la fine del XVII secolo e l'inizio del XVIII per effetto della controriforma in Ungheria finché, nel 1803, venne pubblicata la seconda edizione. Da allora è stata ristampata più volte fino al 1977. Oggi Apáczai è considerato un eroe della cultura nazionale ungherese.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ad Apáczai sono intitolati un liceo a Budapest[3] e uno a Cluj[4], l'Università dell'Ungheria occidentale a Győr e una strada a Budapest. In 1998 il Governo ungherese ha istituito una fondazione, che porta il suo nome, finalizzata all'istruzione degli ungheresi all'estero.[5] Gli è stato dedicato l'asteroide 134130 Apáczai.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Gábor Palló, 3rd STEP Meeting on Scientific and Technological Textbooks in the European Periphery, Aegina, Grecia, 2002 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2011)..
  2. ^ a b c d e f (EN) John J. O'Connor e Edmund F. Robertson, János Apáczai Csere, su MacTutor, University of St Andrews, Scotland.
  3. ^ (EN) School Profile on the web site of the Apaczai Csere János School. Retrieved 2011-07-18.
  4. ^ Who was Apáczai Csere János Archiviato il 22 ottobre 2007 in Internet Archive., Szilágyi Júlia, Apáczai Csere János High School, Cluj. Retrieved 2009-03-18.
  5. ^ Apáczai Public Foundation web site[collegamento interrotto] (in Hungarian). Established by Government Resolution 1162/1998. (XII. 17).
  6. ^ Minor Planet Circular 75352 pag. 246

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (HU) Imre Bán, Apáczai Csere János, Budapest, Akadémiai Kiadó, 1958.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56736630 · ISNI (EN0000 0001 1064 0173 · LCCN (ENn83120819 · GND (DE126240086 · BNF (FRcb12784608p (data) · CERL cnp00630967