Istituto alti studi della difesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Istituto Alti Studi della Difesa)

L'Istituto alti studi per la difesa (IASD) organizza sessioni annuali di aggiornamento - per generali o colonnelli designati dal capo di SMD, su proposta dei capi di SM di Forza Armata e dei comandanti generali dell'Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza, per dirigenti civili del Ministero della Difesa e di altri ministeri, segnalati dai rispettivi dicasteri e per ufficiali stranieri[1] di rango equivalente a quelli nazionali, ammessi su invito del capo di SMD - che vertono "sull'analisi della politica militare e sull'organizzazione delle Forze Armate", per lo "studio di strategie di sicurezza e difesa nazionale".

Le attività dello IASD[modifica | modifica sorgente]

Le sessioni di studio hanno la durata di un anno accademico e sono articolate in due fasi: una fase iniziale, di quasi due mesi, ha lo scopo di assicurare un primo livello di conoscenza di base, comune a tutti i partecipanti, su temi di politica e relazioni internazionali; una fase seminariale, della durata di sette mesi, nella quale vengono focalizzate e approfondite tematiche di particolare valenza ed interesse.

Le attività dell'Istituto sono organizzate in: lavori individuali e collegiali[2] su argomenti e temi definiti d'intesa con il CeMiSS; seminari e tavole rotonde, che costituiscono l'ossatura dei programmi di studio; laboratori di approfondimento; conferenze su problematiche di attualità, tenute da illustri esperti italiani e stranieri, sia militari che civili; attività congiunte con omologhi centri di studio e ricerca nazionali e stranieri, inerenti a problematiche riguardanti la difesa; incontri e congressi con istituti stranieri paritetici, il NATO Defense College ed altri similari; viaggi di studio in Italia ed all'estero, anche con visite ad industrie di interesse per la difesa, per consentire ai frequentatori di valutare i differenti aspetti attinenti alla situazione sociale, politico-economica e militare dei vari paesi.

Al termine della sessione, ai frequentatori viene rilasciato un diploma da parte del presidente del CASD e sono autorizzati a fregiarsi dello speciale distintivo dell'Istituto.

Il Centro alti studi per la difesa[modifica | modifica sorgente]

Lo IASD è inquadrato nel Centro alti studi per la difesa (CASD) che è l'organismo di studio di più alto livello nel campo della formazione dirigenziale e degli studi di sicurezza e di difesa[3][4].

Presso il CASD, oltre allo IASD, viene svolto il corso annuale dell'Istituto superiore di stato maggiore interforze (ISSMI) - che abilita gli ufficiali[5] delle forze armate e della Guardia di finanza alle funzioni di stato maggiore[6] - ed opera il Centro militare di studi strategici (CeMiSS).

Il CASD ha sede in Roma, lungo la riva destra del Tevere, nel cinquecentesco palazzo Salviati che ha tuttora annesso un importante orto botanico. Fino all'ultimo dopo guerra, palazzo Salviati era la sede del Collegio militare di Roma, ed oggi conserva ancora un sacrario in ricordo del soppresso istituto liceale-militare. La struttura dispone di un'importante biblioteca, meta di studio di tantissimi ricercatori nelle discipline militari e geo-politico-strategiche in genere.

Il presidente del CASD[7] è anche direttore dello IASD.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ sono circa il 40% del totale dei frequentatori e costituiscono un elemento di forte valorizzazione dell'esperienza di confronto tra le plurime realtà nazionali rappresentate
  2. ^ i testi di tali lavori sono presentati dai relatori in sessioni apposite e sono oggetto di dibattito e approfondimenti, sono messi a disposizione dei vertici della Difesa e vanno ad arricchire i fondi della biblioteca del CASD, per la consultazione di chiunque vi abbia interesse
  3. ^ è organicamente ordinato in una presidenza, che si avvale di uno stato maggiore per il supporto generale ed il coordinamento delle attività di interesse comune delle tre componenti autonome: l'Istituto alti studi per la difesa (IASD), l'Istituto superiore di stato maggiore interforze (ISSMI) e il Centro militare di studi strategici (CeMiSS). Il presidente del centro dipende direttamente dal capo di stato maggiore della difesa ed è assistito, per l'esercizio delle sue funzioni, da un consiglio direttivo da lui stesso presieduto, composto dai direttori soadiutori militari e civili dello IASD, dal direttore dell'ISSMI, dal direttore del CeMiSS e dal capo di SM, con compiti di segretario
  4. ^ prima di assumere l'attuale denominazione il CASD si chiamava Centro alti studi militari
  5. ^ si accede per pubblico concorso
  6. ^ che conseguono anche il master di II livello in scienze strategiche, conferito dall'Università di Torino insieme a civili che sono ammessi a frequentare pure il corso I.S.S.M.I.
  7. ^ prescelto tra i generali di CA dell'Esercito, gli ammiragli di squadra ed i generali di squadra aerea. Dal 2008, è l'amm. di sq. Marcantonio dei march. Trevisani, già comandante in capo del Dipartimento marittimo dell'Adriatico

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Esercito Portale Esercito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Esercito