Isole Flannan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isole Flannan
Isole Flannan - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo
Nome ufficiale Flannan Isles
Dipendente da Scozia
Lingue ufficiali inglese
Politica
Status nessuno
Superficie
Totale km²
Popolazione
Totale 0 ab.
Densità ab./km²
Geografia
Continente Europa
Fuso orario
Economia
Valuta nessuna
Varie
TLD
 

Le Isole Flannan (Gaelico scozzese: Na h-Eileanan Flannach) o alternativamente, Seven Hunters sono un piccolo gruppo di isole nelle Ebridi esterne della Scozia, a circa 32 km ad ovest dell'Isola di Lewis.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le isole prendono il loro nome da Flannán mac Toirrdelbaig, un abate e predicatore irlandese del settimo secolo, e per questo motivo sull'isola principale del gruppo, Eilean Mòr, era presente una piccola cappella dedicata all'abate, nota ai marinai come "cuccia per cani" per via delle sue dimensioni.[1] Eilean Mòr, inoltre, era nota nel folklore marinaresco in tempi antichi per diverse storie riguardanti degli strani abitanti simili a folletti o di volatili abnormi che avrebbero abitato tale isola, ma è divenuta tristemente famosa per la misteriosa scomparsa, avvenuta nel dicembre 1900, di tre guardiani del faro, Donald McArthur, James Ducat e Thomas Marshall. A parte alcune teorie riguardanti il paranormale o addirittura l'omicidio, si tende a credere che i tre guardiani siano stati investiti in pieno da un'onda anomala mentre si trovavano sul molo per delle riparazioni e trascinati nelle acque del mare del Nord.

Le isole sono prive di residenti permanenti a partire dall'automazione del faro nel 1971.[2]

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Come la maggior parte delle isole del Mare del Nord, le isole Flannan forniscono un punto di nidificazione per vari uccelli marini come la pulcinella di mare e la sula bassana. Le isole sono state ritenute luogo di osservazione scientifica a partire dal 1983.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Template:Haswell-Smith
  2. ^ Nicholson (1995) pp. 168–79.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scozia Portale Scozia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Scozia