Isabel Allende Bussi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabel Allende Bussi
María Isabel Allende Bussi.jpg

Presidente del Senato
Durata mandato 11 marzo 2014 - 11 marzo 2015
Predecessore Jorge Pizarro
Successore Patricio Walker

Membro del Senato del Cile
Durata mandato 11 marzo 2010 - In carica

Presidente della Camera dei deputati
Durata mandato 18 marzo 2003 - 16 marzo 2004
Predecessore Adriana Muñoz
Successore Pablo Lorenzini

Membro della Camera dei deputati del Cile
Durata mandato 11 marzo 1994 - 11 marzo 2010

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Cileno

María Isabel Allende Bussi (Santiago del Cile, 18 gennaio 1945) è una politica cilena, presidente del Partito Socialista Cileno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Isabel Allende è la terza figlia del presidente Salvador Allende, deposto e morto nel 1973 a seguito del colpo di stato militare di settembre, e della moglie Hortensia Bussi. È cugina della scrittrice cilena Isabel Allende Llona.

A seguito del golpe Isabel e sua madre sono fuggite prima a Cuba e poi in Messico dove è rimasta per 16 anni fino al 1989, anno in cui il Cile è ritornato alla democrazia.

Sostenitrice dell'alleanza tra il Partito Socialista Cileno e il Partito Democratico Cristiano del Cile, nel 1994 venne eletta per la prima volta tra i socialisti alla Camera dei deputati del Cile, riconfermata nelle legislature successive. Ne fu presidente fra il 2003 e il 2004.

Dal maggio 2008 è vicepresidente del suo partito. Nel 2010 lasciò la Camera per essere eletta al Senato del Cile.

Dopo la vittoria elettorale di Michelle Bachelet, il 27 febbraio 2014 viene eletta presidente del Senato, diventando così la seconda carica dello Stato, e ricoprendo un incarico che fu già del padre [1] Nel marzo 2015 lascia la carica per essere eletta (il 17 maggio) presidente del Partito Socialista del Cile[2].

Nel settembre 2016 annuncia che si candiderà alla presidenza del Cile [3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corriere della sera
  2. ^ ELLE
  3. ^ Repubblica

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100945687 · LCCN: (ENn84053519 · ISNI: (EN0000 0000 7217 4158 · GND: (DE1062480821 · BNF: (FRcb16906056m (data) · NLA: (EN35603327