Intimo Roberta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Intimo Roberta
StatoItalia Italia
Fondazione1975 a Bergamo
GruppoPompea S.p.A
SettoreAbbigliamento
Prodottibiancheria intima
Sito web

Intimo Roberta è un marchio di un'azienda italiana di abbigliamento intimo.

È stato ideato nel 1975 a Bergamo[1].

Nel 1981 la Intimo Roberta è stata inglobata nel Gruppo Ladyberg, sempre di Bergamo[2], mentre nel 2002 il brand è stato acquisito dal Gruppo Pompea. Prima della cessione venivano prodotti circa 5 milioni di pezzi col marchio Roberta, per un fatturato di circa 30 milioni di euro.

A seguito della riorganizzazione del gruppo Pompea, dal 2009 l'Intimo Roberta è prodotto in Tunisia[3] e viene commercializzato esclusivamente nell'Europa occidentale, mentre in Europa orientale è stato preferito il brand Glamour.

L'azienda fece parlare di sé per la campagna di marketing che prevedeva manifesti nei quali le modelle comparivano solo di schiena[4]. La prima modella di Intimo Roberta a voltarsi e mostrare il viso al pubblico fu Elisa Jacassi, nel 1994 su idea del fotografo Alfredo Sabbatini[5][6].

Alcune delle testimonial erano già famose in precedenza o lo diventarono grazie alla pubblicità stessa.

Fra queste:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompea compra Roberta, su dellamoda.it, 17 dicembre 2002. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  2. ^ Papillon Ladyberg, su marketing-crazy.blogspot.com, 28 marzo 2006. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  3. ^ Roberta va in Tunisia, corriere.it, 29 maggio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ Intimo Roberta, dopo Rosa e Michelle arriva Nina, repubblica.it, 29 settembre 2009. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  5. ^ a b Campagna 1994 Intimo Roberta, Corriere della Sera, La Stampa, Il Secolo XIX, Il Giornale, Il messaggero 27-03-1994
  6. ^ La rivoluzione di Roberta, Noi, Marzo 1994.
  7. ^ Nina Senicar, ecco la nuova testimonial dell'intimo Roberta, su affaritaliani.it, 21 luglio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]