In C

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
In C
CompositoreTerry Riley
Epoca di composizione1964
Organicoqualsiasi numero di musicisti

In C è un brano di musica semi-aleatoria composto da Terry Riley nel 1964.

È una risposta alle tecniche accademiche astratte e seriali usate dai compositori della metà del ventesimo secolo ed è spesso citata come la prima composizione minimalista, sebbene non sia la prima in assoluto ma piuttosto quella che rese popolare il minimalismo in ambito musicale.

Struttura ed esecuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera consta di 53 brevi frasi musicali, numerate[1] e di durata variabile; sebbene esse vadano suonate in ordine, ciascuna frase può essere ripetuta un numero arbitrario di volte e ciascun musicista ha discrezione su quando passare alla successiva: anche coloro che stanno suonando la stessa frase sono invitati a iniziarla ciascuno in momenti differenti.[2] Il singolo esecutore potrà anche scegliere di saltare una frase, pur rispettando l'ordine prestabilito; le indicazioni di esecuzione prescrivono anche che i componenti l'ensemble cerchino per quanto possibile di non sfasarsi di più di due-tre frasi fra loro.

Come riportato sull'edizione originale dello spartito, è abitudine che uno dei musicisti («tradizionalmente, una bella ragazza», annota Riley) suoni ripetutamente, in ottavi, soltanto la nota Do (secondo la notazione anglosassone: C, da cui il titolo de brano);[3] tale parte ha la funzione di metronomo e pertanto è tipicamente affidata al pianoforte oppure ad uno strumento a percussione intonato, come ad esempio la marimba; Riley la definisce: The Pulse («la pulsazione»). Fu Steve Reich a suggerire l'espediente all'autore il quale, inizialmente, aveva concepito l'opera come priva di un tempo prestabilito.

Il brano inizia con un accordo di Do maggiore (pattern da 1 a 7)[1] con un'enfasi particolare sulla mediante Mi; l'entrata successiva della nota Fa avvia una serie di lente progressioni verso altri accordi, che suggeriscono sottili e ambigue variazioni di tonalità; l'ultimo pattern è costituito da un'alternanza fra Si♭e Sol. Nonostante sia di primario interesse l'esecuzione polifonica delle frasi – l'una contrapposta all'altra o la stessa collocata in momenti diversi – il pezzo può essere considerato eterofonico.

In C non ha una durata definita, a causa della discrezionalità di ripetizione di ogni frase da parte di ciascun musicista: le esecuzioni possono durare da qualche decina di minuti a qualche ora, nonostante Riley indichi che «le performance normalmente spaziano in media tra i 45 minuti e l'ora e mezza».[1] Anche il numero di esecutori può variare da una performance all'altra.[2] Riley consiglia «un gruppo di circa 35, se possible, ma gruppi più o meno numerosi possono funzionare».[4] La prima registrazione originale, della durata di 45 minuti circa, fu realizzata da undici elementi i quali impiegarono diverse dozzine di strumenti, sfruttando la tecnica della sovraincisione.[3][1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Federico Capitoni, In C, opera aperta. Guida al capolavoro di Terry Riley, Arcana, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Glenn Gould, L'ala del turbine intelligente, Adelphi, 1988, p. 376.
  2. ^ a b Martin Cooper, Storia della musica moderna e contemporanea, Feltrinelli-Garzanti, 1992, p. 749.
  3. ^ a b Alberto Basso, Storia della musica (quarto volume), UTET, 2004, p. 179.
  4. ^ Terry Riley, "'In C': Performing Directions", from the score for "In C", 1989, Celestial Harmonies

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN182874056 · LCCN (ENno96051431 · GND (DE7678859-3 · BNF (FRcb13944401c (data)
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica