Inés Zorreguieta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Inés Zorreguieta

Segretaria esecutiva del Consiglio di Coordinazione delle Politiche Sociali
Durata mandato10 febbraio 2016 –
8 agosto 2016
Capo di StatoMauricio Macri

Dati generali
Partito politicoIndipendente
Titolo di studioLaurea in psicologia
UniversitàUniversidad de Belgrano

Inés Zorreguieta Cerruti (Buenos Aires, 4 dicembre 1984Buenos Aires, 6 giugno 2018) è stata una politica argentina sorella della regina consorte dei Paesi Bassi Máxima.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ultima figlia di Jorge Horacio Zorreguieta Stefanini (1928-2017), politico argentino, e della sua seconda moglie, María del Carmen Cerruti Carricart (1944); Inés aveva due fratelli, una sorella (la regina Máxima) e tre sorellastre nate dal precedente matrimonio del padre[1]. Si laureò in psicologia all'Universidad de Belgrano[2] e in seguito, il 10 febbraio 2016 venne nominata segretaria esecutiva del Consiglio di Cordinazione delle Politiche Sociali dal presidente argentino Mauricio Macri per 180 giorni pur non avendone i requisiti.[3].

Fino al 1º giugno 2018, ha lavorato negli uffici di Las Cañitas del barrio di Palermo del sottosegretario dell'integrazione sociourbana; sofferente da tempo di anoressia e depressione, si è suicidata a 33 anni nella sua casa di Buenos Aires nel quartiere di Almagro il 6 giugno[4]. Il presidente argentino Macri ha pubblicato un annuncio funebre sul quotidiano La Nacion per lei[5]. L'8 giugno è stata sepolta nel cimitero di Pilar a 60 km da Buenos Aires. Al funerale erano presenti la sorella Máxima e la first lady argentina Juliana Awada.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Addams Reitwiesner, Ancestry of Maxima Zorreguieta, su wargs.com, WARGS. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  2. ^ (ES) La vida de Inés Zorreguieta en 25 fotos, su Perfil, 7 giugno 2018. URL consultato il 28 settembre 2023.
  3. ^ (ES) La hermana de Máxima consiguió un puesto en el Estado aunque no reunía los requisitos | El Diario 24, su www.eldiario24.com. URL consultato il 28 settembre 2023.
  4. ^ Suicida in Argentina sorella della regina d'Olanda: "Ossessionata dalle diete", su la Repubblica, 7 giugno 2018. URL consultato il 28 settembre 2023.
  5. ^ (ES) El aviso fúnebre de despedida de Mauricio Macri a Inés Zorreguieta, su LA NACION, 8 giugno 2018. URL consultato il 28 settembre 2023.
  6. ^ (ES) Juliana Awada acompañó a la reina Máxima en el funeral de su hermana Inés, su LA NACION, 8 giugno 2018. URL consultato il 28 settembre 2023.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]