Il sipario di ferro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il sipario di ferro
Titolo originaleThe Iron Curtain
Paese di produzioneUSA
Anno1948
Durata87 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, spionaggio
RegiaWilliam A. Wellman
SoggettoIgor Gouzenko
SceneggiaturaMilton Krims
ProduttoreSol C. Siegel
Casa di produzioneTwentieth Century Fox
FotografiaCharles G. Clarke
MontaggioLouis Loeffler
MusicheCyril J. Mockridge
ScenografiaLyle Wheeler, Mark-Lee Kirk
Interpreti e personaggi

Il sipario di ferro (The Iron Curtain) è un film del 1948 diretto da William A. Wellman.

Si tratta del primo film mainstream statunitense di aperta sfiducia nei confronti dell'Unione Sovietica[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è basato sui resoconti di Igor Gouzenko, funzionario dell'ambasciata sovietica a Ottawa, che nel settembre 1945 passò dalla parte degli occidentali portando con sé un gran numero di documenti sulle attività dello spionaggio sovietico in Nord America.

Vicende legali[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu accompagnato da una causa intentata da alcuni compositori sovietici (Sergej Prokof'ev, Dmitrij Šostakovič, Nikolaj Mjaskovskij e Aram Khachaturian) contro la Twentieth Century Fox per l'uso non autorizzato delle loro musiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Swann, International Cospiracy in and around "The Iron Curtain", The Velvet Light Trap n.35, 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema