Il dio delle anime

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il dio delle anime
Titolo originaleGod of Clocks
AutoreAlan Campbell
1ª ed. originale2010
1ª ed. italiana2010
Genereromanzo
SottogenereDark fantasy, New Weird, Steamfantasy, Bangsian fantasy
Lingua originaleinglese
SerieCodice Deepgate
Preceduto daIl dio delle nebbie

Il dio delle anime è un romanzo dello scrittore scozzese Alan Campbell, il terzo della trilogia "Codice Deepgate". Si tratta di un'opera che mischia dark fantasy, new weird, steampunk e bangsian fantasy.

Alcuni elementi del romanzo sono ispirati alla Divina Commedia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le porte dell'inferno sono state aperte, re Menoa e i suoi mesmeristi stanno invadendo il mondo. Quando anche Coreollis cade sotto i colpi delle inarrestabili armate del Signore del Labirinto, l'esito della guerra tra gli dei sembra ormai segnato. Eppure Rachel Hael è decisa a tentare tutto il possibile per rovesciare le sorti del conflitto e per questo coinvolge la maga mesmerista Mina Greene e il dio Hasp in una missione disperata: raggiungere il dio degli orologi nella sua roccaforte e, col suo aiuto, convincere le forze del Paradiso a combattere al loro fianco. Tuttavia Rachel dovrà difendersi non soltanto dai dodici arconiti di Menoa, ma persino dallo stesso Hasp, in cui è stato impiantato un parassita che lo obbliga a obbedire agli ordini del nemico. Schiacciata dal sospetto e dalla diffidenza, Rachel teme che sia giunto per lei il momento dell'estremo sacrificio, nella speranza che il gigante John Anchor riesca a trascinare la nave di Cospinol, il dio della nebbia, proprio là dove Menoa si sente più al sicuro.
Nel frattempo, Carnival è tenuta prigioniera, ma è ancora animata dalla rabbia e si prepara a compiere la sua vendetta.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Rachel Hael
  • Carnival
  • John Anchor
  • Alice Harper
  • Mina Greene
  • Hasp
  • Menoa
  • Sabor
  • Dill
  • Cospinol
  • Ayen

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]