Il Vangelo secondo Pilato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Vangelo secondo Pilato
Titolo originale L'Évangile selon Pilate
Autore Éric-Emmanuel Schmitt
1ª ed. originale 2000
Genere romanzo
Sottogenere storico
Lingua originale francese

Il Vangelo secondo Pilato è un romanzo dello scrittore e drammaturgo francese Éric-Emmanuel Schmitt, pubblicato nel 2000. Un adattamento teatrale è stato pubblicato in Francia sotto il titolo Mes évangiles (I miei Vangeli).

Il romanzo narra gli ultimi giorni della vita di Gesù, attraverso il suo stesso sguardo e narra le settimane immediatamente successive alla sua crocifissione attraverso lo sguardo del Prefetto romano Ponzio Pilato.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prima parte. Dopo l'Ultima Cena, nel giardino di Getsemani, Gesù riflette sulla sua vita e agli ultimi momenti del suo percorso. Pensa soprattutto a quello che accadrà il mattino seguente, quando i soldati verranno ad arrestarso. Il piano che ha pensato assieme a Giuda Iscariota per far conoscere a tutti la parola di Dio avrà inizio. Ma Gesù dubita: è veramente lui il figlio di Dio?

Seconda parte. Il prefetto romano, Ponzio Pilato, spiega con delle lettere a suo fratello come ha condotto la missione di rintracciare il cadavere di un crocifisso di nome Gesù di Nazareth, la cui sparizione mette in agitazione i giudei e la stessa moglie di Pilato che è stata convertita da questo profeta.

Critica[modifica | modifica sorgente]

In questo romanzo, diviso in due parti, l'autore si interroga sulle ragioni del tradimento di Giuda e del suo suicidio. La giustificazione offerta dall'autore si avvicina a quella presente nei Vangeli apocrifi ed in particolare in quello noto come Vangelo di Giuda.

Utilizzando la figura del prefetto romano Ponzio Pilato, l'autore ripercorre un percorso di conversione progressiva alla fede. Pilato passa dal più intransigente scetticismo (teorizzando che i discepoli di Gesù ne abbiano rubato il cadavere le spoglie mortali) alla tristezza per non aver avuto l'opportunità di conoscerlo e di non averlo potuto ascoltare. La moglie di Pilato conclude l'opera con le parole: "Allora può darsi che tu sia il primo cristiano".

Adattamento teatrale[modifica | modifica sorgente]

Le due parti del romanzo sono state adattate al teatro dallo stesso Schmitt. La sceneggiatura teatrale è stata pubblicata alla fine del 2004 in Francia con il titolo Mes Évangiles, contemporaneamente all'uscita in edizione economica del romanzo.

In Italia, l'opera di Schmitt è stata portata in scena nel 2009 dalla Compagnia Mauri-Sturno, con il titolo originale di "Il Vangelo secondo Pilato".

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura